Gli scopi del trattamento della contrattura pelvica sono: la remissione del dolore pelvico, il rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico, il ripristino della funzionalità urinaria, fecale e sessuale, la prevenzione di patologie pelviche quali cistite, candida, vulvodinia e neuropatia pelvica.

Non è possibile il rilassamento senza la presa di coscienza dell'esistenza della muscolatura pelvica e l'acquisizione della capacità di rilassarla e contrarla volontariamente. Potrai raggiungere questo scopo in autonomia o, ancor meglio, grazie alla supervisione di un professionista esperto.

Il trattamento della contrattura pelvica è solitamente un compito del fisioterapista tramite una serie di sedute di fisiochinesiterapia impostate sulla base della diagnosi e delle indicazioni terapeutiche emerse durante la visita medica (urologica, ginecologica o neurologica).

Una volta acquisita l'autonomia esecutiva degli esercizi e dei massaggi appresi durante le sedute di riabilitazione pelvica,sarai pronta per effettuarli da te a domicilio.

Sarà importante evitare quegli sport e quelle attività che coinvolgono, rafforzandoli, i muscoli addominali e pelvici (esercizi addominali, pilates), o che sforzino eccessivamente il Pubo coccigeo (sollevamento pesi, corsa, ciclismo).

Una boulle dell'acqua calda, un termoforo, uno scaldino elettrico o qualsiasi cosa che produca calore aiuta a rilassare la muscolatura contratta. Molte donne utilizzano questi semplice accorgimenti. Leggi sul Forum le loro opinioni riguardo ai benefici del calore sulla contrattura.

Se la muscolatura è molto contratta il medico potrebbe prescriverti dei farmaci che rilassano la muscolatura.

 

Quali trattamenti puoi eseguire in autonomia a casa?

Quali trattamenti necessitano di un professionista?

Articoli correlati