Le novità dei prossimi mesi!

 Abbiamo in programma novità entusiasmanti

Scopri quali


batteri neri

La vaginosi batterica è una delle infezioni vaginali più frequenti ed è caratterizzata dalla diminuzione dei lattobacilli benefici e dall'aumento della flora batterica anaerobia (cioè che vive senza ossigeno), normalmente presente in vagina in quantità minime.

Due delle vaginosi più comuni sono l'infezione da Gardnerella e quella da Mycoplasma genitalis.

Le cause

I batteri patogeni sono costantemente tenuti sotto controllo dai lattobacilli, che ne impediscono la riproduzione eccessiva e quindi la possibilità di creare malattia. I lattobacilli infatti producono acqua ossigenata, cioè acqua ricca di ossigeno, che impedisce la sopravvivenza o la riproduzione di quei batteri, funghi, virus e mycoplasmi che non vivono in presenza di ossigeno. Inoltre i lattobacilli trasformano il glicogeno presente nelle secrezioni vaginali in acido lattico, che abbassa il ph vaginale rendendo l'ambiente ideale per loro stessi.
In condizioni normali la vagina ospita “solo” 100.000 batteri in ogni grammo di secrezione. Nella vaginosi il numero dei batteri anaerobi arriva a 1000/10000 milioni di microrganismi superando anche di 10 volte quello dei lattobacilli.

In queste condizioni i batteri anaerobi sfuggono al controllo dei lattobacilli e si riproducono indisturbati provocando vaginosi.

Le vaginosi più comuni sono provocate da Stafilococco anaerobio, Streptococco anaerobio, Ureaplasma, Gardnerella, Trichomonas vaginalis, Sarcina, Mobiluncus, Actinomices, Prevotella, Micoplasma genitalis.

 

I sintomi

La vaginosi è caratterizzata da un ph vaginale superiore a 4.5, da abbondanti perdite bianco-grigiastre e maleodoranti, dall'assenza di infiammazione e quindi dall'assenza di sintomi, tipici invece delle vaginiti aerobiche. L'odore tipico della vaginosi è simile all'odore del pesce. I batteri anaerobi infatti in ambiente alcalino producono poliamine (spermina, spermidina, putrescina e cadaverina), sostanze che rendono le secrezioni maleodoranti. L'odore diventa più forte in fase post mestruale e dopo i rapporti sessuali perchè sangue e sperma sono alcalini e favoriscono quindi il rilascio di queste poliamine maleodoranti. Queste sostanze nel tempo provocano esfoliazione dell'epitelio vaginale facendo insorgere bruciore, prurito e dispareunia. L'indebolimento delle mucose inoltre può dar luogo ad infezioni più importanti (spesso le vaginosi si accompagnano ad altre infezioni), a sensibilizzazione locale e alla cronicizzazione del dolore.

 

La diagnosi

La diagnosi di vaginosi viene posta se sono presenti questi parametri:

  • secrezioni abbondanti (leucorrea) e uniformi,
  • ph vaginale superiore a 4.5,
  • odore di pesce dopo aver messo a contatto le secrezioni con idrossido di potassio (whiff test, o fish test, o amine test, o odor test, o sniff test, o fishy odor test, o test dell’odore fetido),
  • presenza nelle secrezioni valutate al microscopio di clue cell, cioè di cellule epiteliali che hanno sulla loro superficie numerosi batteri patogeni attaccati (se queste cellule sono almeno il 20% del totale delle cellule epiteliali nelle secrezioni il test è positivo),
  • assenza o diminuzione drastica di lattobacilli,
  • tampone vaginale. positivo a Gardnerella o Mobilunculus,
  • test di Nugent positivo (permette di valutare la gravità della vaginosi rapportando la quantità di batteri presenti alla quantità di leucociti presenti: da 7 a 10 sarà una vaginosi franca, da 3 a 6 una vaginosi al limite tra normalità e patologia, al di sotto del 3 la vaginosi è assente.

Convenzioni per i soci

La terapia

Le cure delle infezioni vaginali prevedono due tipi di approccio terapeutico:

ATTENZIONE! Cistite.info propone contenuti a solo scopo informativo e divulgativo. Spiegando le patologie uro-genitali in modo comprensibile a tutti, con attenzione e rigore, in accordo con le conoscenze attuali, validate e riconosciute ufficialmente.
Le informazioni riportate in questo sito in nessun caso vogliono e possono costituire la formulazione di una diagnosi medica o sostituire una visita specialistica. I consigli riportati sono il frutto di un costante confronto tra donne affette da patologie urogenitali, che in nessun caso vogliono e possono sostituire la prescrizione di un trattamento o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Si raccomanda pertanto di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.

Privacy

Ai sensi del d.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 in merito al trattamento dei dati personali si comunica quanto segue:

Il trattamento dei dati personali sarà improntato come da normativa indicata sui principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'articolo 13 del GDPR 2016/679, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni.

 

Titolare, responsabili del trattamento dei dati e responsabile della protezione dei dati

Il titolare del trattamento dei dati personali è Cistite.info APS con sede legale in Bolzano Via Parma, 1/C. 

Il responsabile del Trattamento personali inseriti in fase di registrazione al forum (https:\\cistite.info\forum), di registrazione alla newsletter (https://cistite.info/list/?p=subscribe) e/o in fase di richiesta associativa è il Presidente dell'Associazione Cistite.info APS, cui è possibile rivolgersi per esercitare i diritti di cui all'Art. 12 e/o per eventuali chiarimenti in materia di tutela dati personali, è raggiungibile all’indirizzo: cistite.info@pec.it

 

Tipologia dei dati raccolti

I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, indirizzo di residenza, luogo e data di nascita, Codice Fiscale, etc), saranno forniti al momento della richiesta di adesione all'Associazione o in fase di registrazione al forum (https:\\cistite.info\forum) o in fase registrazione alla newsletter (https://cistite.info/list/?p=subscribe).

 

Finalità e modalità del trattamento

I dati personali forniti saranno oggetto:

in relazione ad obblighi legali, fiscali e statutari:

in relazione a necessità di comunicazione delle attività dell'Associazione, del forum e della newsletter:

 I dati forniti dagli interessati verranno trattati prevalentemente con strumenti informatici sotto l'autorità del titolare del trattamento, da parte di soggetti specificamente incaricati, autorizzati ed istruiti al trattamento dati ai sensi dell’art. 30 del Codice privacy e degli artt. 28 e 29 del Regolamento privacy. Verranno osservate idonee misure di sicurezza anche ai sensi degli artt. 5 e 32 del Regolamento privacy per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Tutto ciò per garantire la sicurezza, l'integrità e la riservatezza dei dati stessi nel rispetto delle misure organizzative, fisiche e logiche previste dalle disposizioni vigenti.

 

Natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati, conseguenze di un eventuale rifiuto e base giuridica del trattamento

Si informa che, tenuto conto delle finalità del trattamento come sopra illustrate, il conferimento dei dati è obbligatorio ed il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrà avere, come conseguenza, l'impossibilità di svolgere l’attività dell'Associazione e di assolvere gli adempimenti previsti dallo Statuto stesso nonchè di accedere al forum o di ricevere la newsletter.

 

A chi e in che ambito il Titolare può trasmettere i dati personali degli Interessati

I dati personali degli Interessati potranno essere comunicati all’interno dell’UE, nel pieno rispetto di quanto previsto dal Codice privacy e dal Regolamento privacy, ai seguenti soggetti:

Si informa che i dati dell’associato e le informazioni relative alle loro attività vengono gestiti e archiviati, con idonee procedure, utilizzando piattaforme anche operanti al di fuori del territorio nazionale (anche extra UE), quali Google, Keliweb, etc.

 

Durata del trattamento

 I dati personali vengono conservati per tutta la durata del rapporto di associazione e/o mandato e, nel caso di revoca e/o altro tipo di cessazione del rapporto, nei termini prescrizionali indicati nell’art. 2220 del Codice Civile. Nonostante quanto precede, Cistite.info APS potrà conservare taluni dati personali degli Interessati anche dopo la richiesta di cessazione del trattamento e ciò esclusivamente per difendere o far valere un proprio diritto ovvero nei casi previsti dalla legge o per effetto dell’ordine di un’autorità giudiziale o amministrativa.

 

Diritti degli interessati

 Lei potrà, in qualsiasi momento, esercitare i diritti:

L’esercizio dei suoi diritti potrà avvenire attraverso l’invio di una richiesta mediante email all’indirizzo cistite.info@pec.it

 

Misure di sicurezza

I dati personali degli Interessati sono trattati nel rispetto della legge applicabile ed utilizzando adeguate misure di sicurezza, in ossequio alla normativa in vigore anche ai sensi degli artt. 5 e 32 del Regolamento privacy.
In merito, si conferma, tra l’altro, l’adozione di opportune misure di sicurezza volte ad impedire accessi non autorizzati, furto, divulgazione, modifica o distruzione non autorizzata dei dati degli Interessati.

 

Modifiche all'informativa privacy

La presente informativa è soggetta a modifiche da parte del Titolare del trattamento; Cistite.info APS comunicherà per email le modifiche agli Interessati, con un preavviso di almeno 15 giorni rispetto alla data in cui si applicherà la nuova informativa.

 

Regolamento e privacy forum

 Rispetto ai dati di registrazione si specifica che:

Rispetto ai contenuti immessi sul forum l'utente deve valutare con particolare attenzione:

Si specifica inoltre che:

Informativa tecnica  e di servizio

Si fanno inoltre presenti i seguenti punti.

X

Right Click

No right click