Le novità dei prossimi mesi!

 Abbiamo in programma novità entusiasmanti

Scopri quali


Il D-mannosio è uno zucchero estratto da alberi a legno duro come la betulla, che ha rivelato ottima efficacia contro la cistite.
Agisce legandosi alle zampe dei batteri (lectine), impedendo loro di attaccarsi alla vescica. Senza attecchimento alle pareti vescicali i batteri restano innocui e non scatenano l'infiammazione.

Infatti non tutte le lectine batteriche però sono sensibili all'azione del D-mannosio. L'efficacia quindi dipende dal tipo di batterio responsabile dell'infezione.

In sintesi il D-mannosio pare essere efficace contro gli Escherichia coli (responsabili di circa l'80% delle infezioni urinarie), la Klebsiella, la Shigella e la Salmonella, dotati di lectine mannosio sensibili.
Dalle esperienze riportate nel nostro forum abbiamo constatato che anche altri batteri sono sensibili al D-mannosio: Enterococco, Stafilococco, Citrobacter.
Sebbene anche le cistiti da Proteus siano state debellate con solo D-mannosio, abbiamo appurato che questo batterio è meno sensibile al mannosio rispetto ad atri, pertanto si è rivelato necessario aumentare i dosaggi e prolungare la cura, evitando ogni prodotto alcalinizzante poiché l'ambiente ideale del proteus è alcalino.

 

Batteri con lectine sensibili al mannosio

Le lectine sensibili al mannosio sono quelle di tipo 1, che possono essere ad alto legame col mannosio (M1H) o a basso legame (M1L). L'80% degli Escherichia coli isolati nell'intestino hanno lectine di tipo M1L, mentre il 70% di quelli isolati nelle urine sono di tipo M1H. I batteri che possiedono questo tipo di lectine mannosio sensibili, oltre agli E.coli sono: klebsiella, shigella e salmonella.

In corso di terapia con D-mannosio è frequente assistere alla comparsa nelle urine di batteri diversi dagli E. coli (EnterococchiProteus, ecc). Ciò avviene perchè inizialmente vengono eliminati i batteri con lectine mannosio altamente sensibili (M1H). Se però i fattori predisponenti non vengono eliminati i batteri continueranno ad arrivare. Questi nuovi batteri, visto che non sono stati eradicati dal D-mannosio, molto probabilmente hanno lectine mannosio lievemente sensibili (M1L), o lectine mannosio insensibili. Nel primo caso (M1L) sarà sufficiente aumentare il dosaggio di D-mannosio e gli intervalli di somministrazione. Nel secondo caso (vedi più avanti) sarà necessario ricorrere ad altre cure.

Nathan Sharon del dipartimento di chimica biologica dell'istituto di scienze Weitzmann israeliano ritiene che in un futuro imminente non sarà più necessario combattere le infezioni con terapie antibiotiche, che verranno sostituite con terapie a base di zuccheri. E questo sarà valido sia per la vescica, che per tutti gli altri organi del nostro organismo. Egli sostiene che questo tipo di terapia antiadesiva sarà più efficace degli antibiotici, sarà priva di effetti collaterali significativi, non sarà tossica, non creerà danni alla flora batterica e non debiliterà il sistema immunitario, poiché si tratta di sostanze presenti normalmente nel nostro organismo. Sharon spiega che il latte umano contiene oligosaccaridi (zuccheri complessi) in altissime concentrazioni e che molti di questi hanno capacità elevate di aderire alle lectine batteriche. I bambini allattati al seno hanno un'incidenza nettamente inferiore di diarree da campylobacter jejuni rispetto a quelli nutriti con latte artificiale.
Sharon afferma inoltre che questo tipo di terapia, non uccidendo i batteri come fanno gli antibiotici (lasciando in vita quelli più resistenti, che genereranno figli altrettanto forti) non crea resistenze, ma anzi consente una maggior sensibilità dei batteri agli stessi antibiotici.
In effetti è molto frequente nelle donne che assumono D-mannosio riscontrare nell'antibiogramma un notevole aumento della sensibilità da parte dei batteri, persa dopo anni di terapie antibiotiche.

Convenzioni per i soci

Batteri privi di lectine

Esistono poi batteri sprovvisti di lectine. Il D-mannosio ovviamente non è attivo su questi batteri e non riuscirà ad eliminarli. Essi concepiranno figli uguali a loro (quindi senza “zampe”), che colonizzeranno le urine sostituendosi gradualmente ai batteri con lectine. Ciò non deve assolutamente preoccupare. Infatti senza lectine i batteri non riescono ad attaccarsi ai mastociti presenti sulle mucose uroteliali (i mastociti sono cellule immunitarie responsabili dell'attivazione del processo infiammatorio) e quindi non potranno provocare ne' infiammazione, ne' dolore, ne' danno. E' frequente infatti in corso di terapia con D-mannosio avere l'urina torbida, maleodorante, e piena di nitriti (segno di presenza batterica) e urinocolture positive senza però leucociti (indice di infiammazione) e quindi senza accusare sintomi significativi. Questa batteriuria non va trattata proprio perchè non solo è innocua, ma addirittura protettiva! Infatti la presenza di questi batteri toglie spazio vitale e sostanze nutritive a quelli aggressivi impedendogli di colonizzare la vescica.

 

Batteri con lectine insensibili al mannosio

Esistono infine lectine di tipo P, insensibili al mannosio perchè non in grado di legarsi ad esso. Questi batteri quindi non aderiscono al mannosio presente sulle mucose vescicali, ma si legano ad altri elementi presenti sull'urotelio (il tessuto urinario). Le lectine P sembrano avere maggior potere di provocare infiammazione e sono tipiche dei batteri che provocano pielonefriti, probabilmente perchè sono insensibili anche all'azione difensiva di IgA e proteine di Tamm Horsfall e quindi riescono a risalire incontrastati fino al rene.

Laddove il D-mannosio risultasse inefficace è probabile che l'infezione sia provocata da batteri che presentano lectine mannosio insensibili o lectine a basso legame col mannosio. Fortunatamente a livello urinario la maggioranza dei batteri implicati nelle infezioni sono di tipo 1 ad alto legame, seguiti da quelli a basso legame e raramente sono coinvolti batteri mannosio insensibili.

Grazie a recenti studi pare che questi batteri mannosio insensibili siano in grado di legarsi ad altri zuccheri quali il galabiosio,il fucosio, il balabiosio.

La ricerca sta cercando di sintetizzare chimicamente sostanze costituite da più tipi di zuccheri diversi tra loro uniti in un'unica molecola, affinchè siano efficaci su tutti i tipi di lectine batteriche (talvolta presenti anche su un unico batterio) in modo da rendere la terapia ancora più efficace dello zucchero singolo ed in grado di sostituire completamente gli antibiotici anche per patologie diverse da quelle urinarie. Infatti sono in corso numerosi studi sul ruolo del D-mannosio non solo sulle infezioni urinarie, ma anche su infezioni in altri organi del corpo. Infatti la terapia antiadesiva a base di zuccheri in studi effettuati su animali sembra essere efficace, oltre che contro questi uropatogeni mannosio-insensibili, anche contro la neisseria gonohorreae (responsabile di malattie genitali sessualmente trasmissibili) e l'Helicobacter pylori (responsabile di gastrite ed ulcera gastrica).

ATTENZIONE! Cistite.info propone contenuti a solo scopo informativo e divulgativo. Spiegando le patologie uro-genitali in modo comprensibile a tutti, con attenzione e rigore, in accordo con le conoscenze attuali, validate e riconosciute ufficialmente.
Le informazioni riportate in questo sito in nessun caso vogliono e possono costituire la formulazione di una diagnosi medica o sostituire una visita specialistica. I consigli riportati sono il frutto di un costante confronto tra donne affette da patologie urogenitali, che in nessun caso vogliono e possono sostituire la prescrizione di un trattamento o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Si raccomanda pertanto di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.

Privacy

Ai sensi del d.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 in merito al trattamento dei dati personali si comunica quanto segue:

Il trattamento dei dati personali sarà improntato come da normativa indicata sui principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'articolo 13 del GDPR 2016/679, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni.

 

Titolare, responsabili del trattamento dei dati e responsabile della protezione dei dati

Il titolare del trattamento dei dati personali è Cistite.info APS con sede legale in Bolzano Via Parma, 1/C. 

Il responsabile del Trattamento personali inseriti in fase di registrazione al forum (https:\\cistite.info\forum), di registrazione alla newsletter (https://cistite.info/list/?p=subscribe) e/o in fase di richiesta associativa è il Presidente dell'Associazione Cistite.info APS, cui è possibile rivolgersi per esercitare i diritti di cui all'Art. 12 e/o per eventuali chiarimenti in materia di tutela dati personali, è raggiungibile all’indirizzo: cistite.info@pec.it

 

Tipologia dei dati raccolti

I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, indirizzo di residenza, luogo e data di nascita, Codice Fiscale, etc), saranno forniti al momento della richiesta di adesione all'Associazione o in fase di registrazione al forum (https:\\cistite.info\forum) o in fase registrazione alla newsletter (https://cistite.info/list/?p=subscribe).

 

Finalità e modalità del trattamento

I dati personali forniti saranno oggetto:

in relazione ad obblighi legali, fiscali e statutari:

in relazione a necessità di comunicazione delle attività dell'Associazione, del forum e della newsletter:

 I dati forniti dagli interessati verranno trattati prevalentemente con strumenti informatici sotto l'autorità del titolare del trattamento, da parte di soggetti specificamente incaricati, autorizzati ed istruiti al trattamento dati ai sensi dell’art. 30 del Codice privacy e degli artt. 28 e 29 del Regolamento privacy. Verranno osservate idonee misure di sicurezza anche ai sensi degli artt. 5 e 32 del Regolamento privacy per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Tutto ciò per garantire la sicurezza, l'integrità e la riservatezza dei dati stessi nel rispetto delle misure organizzative, fisiche e logiche previste dalle disposizioni vigenti.

 

Natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati, conseguenze di un eventuale rifiuto e base giuridica del trattamento

Si informa che, tenuto conto delle finalità del trattamento come sopra illustrate, il conferimento dei dati è obbligatorio ed il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrà avere, come conseguenza, l'impossibilità di svolgere l’attività dell'Associazione e di assolvere gli adempimenti previsti dallo Statuto stesso nonchè di accedere al forum o di ricevere la newsletter.

 

A chi e in che ambito il Titolare può trasmettere i dati personali degli Interessati

I dati personali degli Interessati potranno essere comunicati all’interno dell’UE, nel pieno rispetto di quanto previsto dal Codice privacy e dal Regolamento privacy, ai seguenti soggetti:

Si informa che i dati dell’associato e le informazioni relative alle loro attività vengono gestiti e archiviati, con idonee procedure, utilizzando piattaforme anche operanti al di fuori del territorio nazionale (anche extra UE), quali Google, Keliweb, etc.

 

Durata del trattamento

 I dati personali vengono conservati per tutta la durata del rapporto di associazione e/o mandato e, nel caso di revoca e/o altro tipo di cessazione del rapporto, nei termini prescrizionali indicati nell’art. 2220 del Codice Civile. Nonostante quanto precede, Cistite.info APS potrà conservare taluni dati personali degli Interessati anche dopo la richiesta di cessazione del trattamento e ciò esclusivamente per difendere o far valere un proprio diritto ovvero nei casi previsti dalla legge o per effetto dell’ordine di un’autorità giudiziale o amministrativa.

 

Diritti degli interessati

 Lei potrà, in qualsiasi momento, esercitare i diritti:

L’esercizio dei suoi diritti potrà avvenire attraverso l’invio di una richiesta mediante email all’indirizzo cistite.info@pec.it

 

Misure di sicurezza

I dati personali degli Interessati sono trattati nel rispetto della legge applicabile ed utilizzando adeguate misure di sicurezza, in ossequio alla normativa in vigore anche ai sensi degli artt. 5 e 32 del Regolamento privacy.
In merito, si conferma, tra l’altro, l’adozione di opportune misure di sicurezza volte ad impedire accessi non autorizzati, furto, divulgazione, modifica o distruzione non autorizzata dei dati degli Interessati.

 

Modifiche all'informativa privacy

La presente informativa è soggetta a modifiche da parte del Titolare del trattamento; Cistite.info APS comunicherà per email le modifiche agli Interessati, con un preavviso di almeno 15 giorni rispetto alla data in cui si applicherà la nuova informativa.

 

Regolamento e privacy forum

 Rispetto ai dati di registrazione si specifica che:

Rispetto ai contenuti immessi sul forum l'utente deve valutare con particolare attenzione:

Si specifica inoltre che:

Informativa tecnica  e di servizio

Si fanno inoltre presenti i seguenti punti.

X

Right Click

No right click