fbpx

Le novità dei prossimi mesi!

 Abbiamo in programma novità entusiasmanti

Scopri quali


Mannosio assunto secondo posologia

In base alle indicazioni dei produttori ed all'esperienza delle numerose donne che hanno utilizzato D-mannosio per la cura della cistite, in questi 13 anni siamo arrivati a stabilire il dosaggio e le modalità di assunzione maggiormente efficaci.

In commercio esistono svariate marche di prodotti contenenti D-mannosio (PuroMan, Urogyn, Melura, Dimann, Delturil, Ausilium, Legnani, Waterfall, Mannocist-D, Cystoman, ecc.). Vista l'elevata quantità di D-mannosio che bisogna assumere per arrivare alla guarigione totale e la lunga durata del trattamento, la nostra associazione consiglia di scegliere un mannosio purissimo, privo di metalli pesanti ed eccipienti (conservanti, edulcoranti, antiaggreganti, ecc), a maggior ragione in gravidanza, in età pediatrica e in caso di infezioni causate da Proteus, Pseudomonas, Providencia e Morganella, che non sopravvivono in ambiente acido.

 

Nella tabella che segue puoi trovare un utile schemino riassuntivo, che può aiutarti, giorno per giorno, ad assumere correttamente il D-mannosio sia in fase acuta che in fase di mantenimento o prevenzione. Le indicazioni posologiche e la durata del trattamento sono indicative e vanno adattate al singolo caso in base alla propria storia, alle proprie abitudini orarie e al decorso dei propri sintomi.

Assunzione Mannosio SchemaRicevi gratis lo schema riassuntivo di assunzione del D-mannosio

 

D-mannosio posologia in fase acuta (cistite conclamata)

Come assumere D-mannosio durante la fase acuta della cistite

In fase acuta è fondamentale assumere 6/8 dosi al giorno di D-mannosio perché bisogna assicurare la presenza costante di questo zucchero in vescica per contrastare l'aderenza batterica alle pareti vescicali. Non ha senso assumere grossi dosaggi (da 1,5 o 2 grammi per esempio) solo 2 o 3 volte al giorno perché una volta urinato, il D-mannosio verrà totalmente espulso e per molte ore la vescica resterà senza difese contro i batteri, che avranno quindi la possibilità di attaccarsi alle pareti e riprodursi. Anche se meno comodo, sappi che è meglio "poco, ma spesso" piuttosto che "tanto, poche volte".

Inizia con una dose da 1g di D-mannosio puro, seguita dopo un'ora da un'ulteriore dose. Prosegui con una dose da 1g ogni 2/3 ore per un totale di 6/8 al giorno per i primi 3 giorni. Se la sintomatologia regredisce, al quarto giorno puoi cominciare a ridurre gradualmente scalando una dose al giorno. Arrivata a 3 dosi segui i dosaggi di mantenimento riportati nel capitolo successivo. C'è anche chi è arrivato ad assumere 50 grammi in un giorno, ma, benchè privo di effetti collaterali, un tale dosaggio è sprecato e rischia solo di provocare gran meteorismo.

Puoi anche inserire 3 grammi di D-mannosio in polvere in una bottiglia da 1 litro piena di acqua e berla durante la mattinata. Fai la stessa cosa nel pomeriggio. In questo modo assicuri un lavaggio vescicale costante e la presenza di mannosio in vescica tutto il giorno. In questo caso assumi 1 grammo di mannosio prima di andare a dormire in modo da proteggere la vescica durante la notte. Quando i sintomi spariscono scala gradualmente (di 1 grammo ogni 3 giorni) la dose di D-mannosio che sciogli nell'acqua.

L'assunzione notturna non è necessaria, a meno che non ci si svegli per altri motivi e si urini eliminando la protezione vescicale data dal D-mannosio.

In fase acuta inoltre è utile l'assunzione di un antinfiammatorio/antidolorifico naturale (esistono sostanze naturali specifiche come la lattoferrina, la curcuma e la piperina, la boswellia e la bromelina) e di una tisana di malva, equiseto e gramigna.

Approfondimento: Cura della cistite in fase acuta

 

D-mannosio posologia di mantenimento (prevenzione della cistite)

Come assumere D-mannosio per evitare recidive della cistite

Dopo una cura antibiotica, o in un momento in cui non si ha una cistite acuta in corso, o ancora dopo aver terminato le due settimane di trattamento acuto, si parte con 3 dosi da 1g di D-mannosio al giorno: mattina, pomeriggio e sera (prima di andare a dormire) per almeno un mese. In seguito si può cominciare a scalare gradualmente passando a 2 dosi al giorno per 2 settimane. A questo punto, se i sintomi saranno spariti, sarà sufficiente una dose al giorno (la sera prima di dormire) per altre 2 settimane. Se ancora la situazione resta stazionaria (assenza di sintomi) si può sospendere il D-mannosio e assumerlo solo in caso di fattori scatenanti con il dosaggio d'attacco protratto solo per 3 giorni.

Se per esempio il rapporto sessuale è il fattore scatenante delle cistiti (come per la maggior parte delle donne), una volta sospeso il D-mannosio si dovrà assumere sempre una dose subito dopo ogni rapporto e 4 dosi al giorno nelle 48 ore successive ad esso. Al minimo accenno di riacutizzazione bisognerà aumentare il dosaggio e se necessario occorrerà ripartire con il dosaggio della fase acuta.

schema cura cistite cronica Ricevi gratis lo schema di cura della cistite cronica

Approfondimento: Cura della cistite cronica-ricorrente

“Un’altra importante funzione del D-Mannosio sembra quella di legarsi alle tossine prodotte dai batteri e in grado di danneggiare gli strati dell’urotelio vescicale, quindi una funzione protettiva... Di conseguenza, l’utilizzo del D-mannosio rappresenta sempre di più una strategia vincente sia in profilassi sia come cura delle infezioni delle vie urinarie"
Tratto da "D-Mannosio: finalmente uno zucchero che fa bene, senza effetti collaterali" scritto dalla Dr.ssa Emanuela Mistrangelo

 

Come assumere il D-mannosio

Consigli per assumere D-mannosio efficaciemente

Il D-mannosio deve essere assunto con una posologia particolare. Rispettando questi passaggi garantirai la massima efficacia.

Consigli di assunzione:

  • Il D-mannosio si assume a stomaco vuoto poichè l'assorbimento è maggiore. Quindi o mangi dopo un'ora dall'assunzione oppure lo assumi dopo 2 ore dal pasto. Se non riesci a rispettare questi tempi è sempre meglio prenderlo anche se a stomaco pieno piuttosto che non assumerlo per nulla. Se ne assorbirà meno, ma una buona percentuale arriva di certo in vescica, quindi meglio poco che nulla.
  • Prima di assumerlo bisogna urinare in modo tale che la quantità di D-mannosio, che arriva in vescica non sia diluita dall'urina già presente. Bere solo dopo un'ora dall'assunzione in modo da lasciare in vescica il D- mannosio sufficientemente concentrato.
  • Assumere il D-mannosio assieme ad una bevanda calda (te, tisane non acide, acqua calda, camomilla) sembra aumentarne l'efficacia.
  • La quantità di acqua con cui assumere il D-mannosio è soggettiva. In linea di massima dovrebbe essere circa 150cc, ma può variare in base alla capacità vescicale individuale. Il D-mannosio infatti dovrà restare in vescica almeno per un'ora per consentire ai batteri di attaccarvisi.
  • Se sentirai un forte stimolo urinario prima che sia passata un'ora dall'assunzione vorrà dire che hai assunto il D-mannosio con troppa acqua rispetto alla tua capacità vescicale, quindi la prossima volta diminuisci la quantità di liquidi con cui assumi D-mannosio. Al contrario, se dopo 2 ore non senti ancora lo stimolo vorrà dire che hai assunto il prodotto con poca acqua (aumentala nella dose successiva fino a trovare la quantità ideale che ti consenta di avere lo stimolo minzionale dopo un'ora circa). La quantità di liquidi con cui assumere il D-mannosio non varia solo in base alla capacità vescicale, ma anche in base a molteplici variabili. In estate per esempio perdiamo molti liquidi attraverso la sudorazione cutanea, quindi dovremo aumentare la quantità di acqua per assicurare una quantità di D-mannosio sufficiente in vescica. L'attività fisica aumenta la perdita di acqua corporea, quindi i 150cc di acqua assunti dopo una lunga corsa basteranno solo a reintegrare i liquidi persi e non verranno eliminati dai reni perchè tutti necessari al corpo. Quindi potresti sentire lo stimolo minzionale dopo molte ore dall'assunzione di D-mannosio, che tra l'altro non raggiungerà la giusta concentrazione/diluizione in vescica. Al contrario il freddo e l'alcool inibiscono l'ormone antidiuretico aumentando la produzione di urina. La stessa cosa avverrà in corso di cistite: a causa dell'infiammazione acuta dell'urotelio e della contrattura muscolare conseguente al dolore, la capacità vescicale si riduce. Quindi in inverno, dopo aver bevuto vino o birra e in caso di cistite acuta, probabilmente dovrai ridurre la quantità di liquidi introdotti col D-mannosio per riuscire a trattenerli per un'ora.
  • Dopo un'ora dall'assunzione bevi molto per permettere il lavaggio della vescica in modo da espellere attraverso la minzione il D-mannosio con tutto ciò che gli si è attaccato. Al contrario di quel che fai di giorno, alla sera non è necessario urinare dopo una o 2 ore dall'assunzione. Lascia pure che il mannosio resti in vescica ed agisca tutta la notte. Perchè questa differenza tra giorno e notte? Perchè durante il giorno continuerai a bere, ad assumere altro D-mannosio, a diluire le urine e quindi ad espellere batteri. Di notte invece non bevi, non urini e non assumi D-mannosio, pertanto i batteri presenti possono riprodursi indisturbati ed inespulsi per 8 ore. Lascia quindi che almeno ci sia il mannosio a tenerli a bada catturandoli ed impedendogli di aderire alle pareti vescicali. Se poi ti svegli durante la notte per qualsiasi altro motivo approfittane per assumere un'altra dose di D-mannosio, soprattutto se sei agli inizi della terapia o se sei in fase acuta.
  • Ogni persona ha i suoi fattori di rischio e periodi soggettivi di possibile riacutizzazione. Questi possono essere: i rapporti sessuali, l'assunzione di scarse quantità di acqua, la fase premestruale, l'ovulazione, l'utilizzo della bicicletta, la piscina, i periodi di elevato stress, i pasti con cibi particolari. Incrementando il D-mannosio in questi periodi rischiosi o dopo gli eventi potenzialmente scatenanti riuscirai a prevenire la recidiva. Per esempio se nel periodo premestruale i dolori di solito si riacutizzano, previenili assumendo 3 dosi di mannosio al giorno durante la settimana precedente le mestruazioni. Se la piscina o la bici ti accentuano i disturbi, appena finito di nuotare o pedalare assumi subito il D-mannosio. Se la cistite si presenta dopo 24-48 ore dai rapporti sessuali assumilo subito dopo il rapporto e ancora 3 volte nelle 24 ore successive ad esso.
  • Vista la frequenza con cui bisogna assumere D-mannosio in fase acuta e quindi la difficoltà nel rispettare queste tempistiche, puoi inserire il quantitativo di D-mannosio quotidiano in una bottiglia d'acqua che berrai durante la giornata (3 grammi in un litro di acqua che berrai al mattino e 3 grammi in un litro che berrai al pomeriggio). In questo modo assicurerai la presenza costante di mannosio in vescica ed un costante lavaggio vescicale. Abbiamo appurato che l'efficacia è equiparata all'assunzione di mannosio ogni 3 ore.
    In fase di mantenimento invece è meglio rispettare le tempistiche e le modalità riportate sopra.

 

Dove si acquista?

PuromanL’associazione Cistite.info APS, grazie all’esperienza ventennale a contatto con donne affette da patologie urogenitali e grazie alla stretta collaborazione con numerosi professionisti sanitari e con la Farmacia Tili, ha formulato la linea Puro per il benessere e l’equilibrio delle vie urogenitali.
Di questa linea fa parte il Puroman, un integratore a base di solo D-mannosio purissimo, privo di eccipienti, conservanti, aggreganti, metalli pesanti, contaminanti, pesticidi, solventi, idrocarburi, allergeni, biossido di zolfo, solfiti, coloranti, aromi, allergeni e dolcificanti artificiali. Il D-mannosio utilizzato nel Puroman non ha subito radiazioni e ionizzazioni e non deriva da piante OGM o in pericolo d'estinzione.
E' quindi adatto a bambini, donne incinte o in allattamento, diabetici, celiaci e vegani.

La nostra associazione ha stipulato una convenzione con la farmacia Tili, che ha riserva ai nostri soci il 20% di sconto.

Scopri la convenzione con la farmacia Tili

 

Bibliografia

  1. D-mannose powder for prophylaxis of recurrent urinary tract infections in women: a randomized clinical trial. Kranjčec B1, Papeš D, Altarac S. Department of Medical Biochemistry, Zabok General Hospital, Zabok, Croatia.

ATTENZIONE! Cistite.info propone contenuti a solo scopo informativo e divulgativo. Spiegando le patologie uro-genitali in modo comprensibile a tutti, con attenzione e rigore, in accordo con le conoscenze attuali, validate e riconosciute ufficialmente.
Le informazioni riportate in questo sito in nessun caso vogliono e possono costituire la formulazione di una diagnosi medica o sostituire una visita specialistica. I consigli riportati sono il frutto di un costante confronto tra donne affette da patologie urogenitali, che in nessun caso vogliono e possono sostituire la prescrizione di un trattamento o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Si raccomanda pertanto di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.

X

Right Click

No right click