Le novità dei prossimi mesi!

 Abbiamo in programma novità entusiasmanti

Scopri quali


Le terapie antimicotiche di sintesi più utilizzate appartengono a tre categorie:

La scelta del farmaco da utilizzare va fatta anche in base al tipo di candida implicata nell'infezione attraverso tipizzazione ed antimicogramma; la candida glabrata, la candida krusei e alcuni ceppi di candida albicans per esempio non sono sensibili a molti azolici.

La somministrazione degli antimicotici può essere sia locale, che orale. Se da una parte quella locale è preferibile perché è esente dagli effetti collaterali sistemici tipici della terapia orale, dall'altra altera la flora batterica aumentando il rischio di infezioni vaginali, uretrali e vescicali. Inoltre può provocare reazioni locali di sensibilizzazione e irritazione soprattutto in caso di mucose delicate o danneggiate, con conseguenti bruciori, dispareunia, infiammazione della vulva, vestibolodinia, che può andare incontro a cronicizzazione e sfociare in vulvodinia.

Attenzione! La stessa vestibolodinia può essere causa di infezione da candida poiché, danneggiando il primo strato epiteliale della mucosa, apre il varco alla penetrazione di candida nei tessuti sottostanti. La conseguenza è l'instaurarsi di un circolo vizioso che più si protrae, più provoca danni e più sarà impegnativo interrompere.

Dati i frequenti effetti collaterali e la frequente inefficacia degli antimicotici di sintesi è possibile curare la candida con rimedi naturali, che non puntano solo a combattere il fungo, ma anche a ricostruire le difese. Senza recupero dell'equilibrio locale nessuna terapia antimicotica potrà sortire effetti duraturi e la recidiva tornerà più aggressiva di prima.

Approfondimento:
il Protocollo Miriam, la cura naturale contro la candida

Convenzioni per i soci

Azolici

Fluconazolo (Diflucan), itraconazolo (Sporanox), cotrimazolo (Canesten), miconazolo (Daktarin), econazolo (Pevaryl), ketoconazolo (Nizoral)

I derivati azolici possiedono anche attività antibatterica limitatamente ai batteri Gram-positivi con conseguenti ripercussioni negative sulla flora batterica vaginale ed intestinale che aprono la strada ad ulteriori infezioni sia batteriche che funginee.

Molteplici, e taluni molto gravi, sono gli effetti collaterali degli azoli presi per via orale: gravi danni al fegato (anche in chi non ha problemi epatici), ai reni, al cuore, ai componenti del sangue. Per cui è sempre consigliabile utilizzarli solo se strettamente necessario (in caso per esempio di candidosi grave e generalizzata) preferendo i trattamenti locali laddove necessario. La FDA americana e l'agenzia italiana del farmaco hanno già evidenziato la nocività di questi antimicotici richiedendo che se ne faccia uso solo se estremamente necessario e monitorando i pazienti che li assumono.

 

Polienici

Nistatina (Mycostatin)

I polienici non hanno azione tossica per l'organismo (come gli azolici) in quanto non vengono assorbiti dalle pareti intestinali e quindi non entrano nel circolo sanguigno, restando nell'intestino dove eliminano la candida laddove ce ne fosse in maggior quantità. Tuttavia questo rappresenta un limite perché non entrando in circolo non potrà mai arrivare a livello genitale e quindi ha poca utilità nelle infezioni vaginali, per le quali sarebbe più efficace l'applicazione di Nistatina locale. E' efficace anche contro la candida non albicans.

Il farmaco che, nonostante pareri discordanti, ha rivelato maggior efficacia e minori effetti collaterali è proprio la nistatina in quanto è quello che sviluppa meno resistenze e quindi meno recidive. Purtroppo gli interessi delle case farmaceutiche si concentrano sui più moderni azolici, di cui hanno ancora il diritto di brevetto e quindi più remunerativi, spingendo e promuovendo questi anziché la nistatina, più vecchia, più sicura e più economica, ma con brevetto scaduto.

 

Echinocandine

Sono l'ultimo ritrovato della ricerca farmacologica. Hanno un ampio spettro d'azione che li vede efficaci su tutte le specie di candida. Pur non essendo privi di effetti collaterali, la loro alta tollerabilità consente l'utilizzo anche in età neonatale. Esiste attualmente solo la possibilità di somministrazione endovena, pertanto viene utilizzata in pazienti particolari con infezioni invasive che coinvolgono piuttosto l'organismo che parti di esso.

 

Testimonianze

“dai 22 anni ho cominciato a soffrire di candida che è stata mal curata per almeno 5 anni, con antimicotici e creme anche nei momenti in cui non ce n'era bisogno...sono stata da diversi ginecologi, anche in clinica universitaria, e tutti mi dicevano che avevo un'infiammazione inspiegabile e continua, che forse erano state tutti queste creme che avevano sensibilizzato la zona,che la mucosa vaginale era diventata sottile e delicata”
Felicsia 08/02/2011 (cistite.info)
“comincio a prendere antimicotici per curare quella che viene diagnosticata ancora una volta come candida. Senza tampone. Prendo un po' tutti gli antimicotici esistenti per due anni, ad intervalli di quattro mesi più o meno tra un episodio e l'altro. Cosa molto importante che ho notato: dopo ogni cura con antimicotici, mi rimaneva un bruciorino fisso, lieve ma persistente. Ora credo che si trattasse di vestibolite. Causata dalla candida? No, dagli antimicotici.
Val 13/04/2013 (cistite.info)
“Dopo gli antimicotici sono iniziati i fastidi insopportabili, prurito terribile e bruciore. Altrimenti stavo bene. Se ci ripenso mi mangio le mani.”
Miriam 22/12/2011 (cistite.info)
“Intanto il meclon l'ho sospeso dopo due giorni, perché la mia vagina non tollerava più niente e più mettevo quelle maledette creme, più stavo male.”
Val 13/04/2013 (cistite.info)

ATTENZIONE! Cistite.info propone contenuti a solo scopo informativo e divulgativo. Spiegando le patologie uro-genitali in modo comprensibile a tutti, con attenzione e rigore, in accordo con le conoscenze attuali, validate e riconosciute ufficialmente.
Le informazioni riportate in questo sito in nessun caso vogliono e possono costituire la formulazione di una diagnosi medica o sostituire una visita specialistica. I consigli riportati sono il frutto di un costante confronto tra donne affette da patologie urogenitali, che in nessun caso vogliono e possono sostituire la prescrizione di un trattamento o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Si raccomanda pertanto di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.

Privacy

Ai sensi del d.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 in merito al trattamento dei dati personali si comunica quanto segue:

Il trattamento dei dati personali sarà improntato come da normativa indicata sui principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'articolo 13 del GDPR 2016/679, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni.

 

Titolare, responsabili del trattamento dei dati e responsabile della protezione dei dati

Il titolare del trattamento dei dati personali è Cistite.info APS con sede legale in Bolzano Via Parma, 1/C. 

Il responsabile del Trattamento personali inseriti in fase di registrazione al forum (https:\\cistite.info\forum), di registrazione alla newsletter (https://cistite.info/list/?p=subscribe) e/o in fase di richiesta associativa è il Presidente dell'Associazione Cistite.info APS, cui è possibile rivolgersi per esercitare i diritti di cui all'Art. 12 e/o per eventuali chiarimenti in materia di tutela dati personali, è raggiungibile all’indirizzo: cistite.info@pec.it

 

Tipologia dei dati raccolti

I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, indirizzo di residenza, luogo e data di nascita, Codice Fiscale, etc), saranno forniti al momento della richiesta di adesione all'Associazione o in fase di registrazione al forum (https:\\cistite.info\forum) o in fase registrazione alla newsletter (https://cistite.info/list/?p=subscribe).

 

Finalità e modalità del trattamento

I dati personali forniti saranno oggetto:

in relazione ad obblighi legali, fiscali e statutari:

in relazione a necessità di comunicazione delle attività dell'Associazione, del forum e della newsletter:

 I dati forniti dagli interessati verranno trattati prevalentemente con strumenti informatici sotto l'autorità del titolare del trattamento, da parte di soggetti specificamente incaricati, autorizzati ed istruiti al trattamento dati ai sensi dell’art. 30 del Codice privacy e degli artt. 28 e 29 del Regolamento privacy. Verranno osservate idonee misure di sicurezza anche ai sensi degli artt. 5 e 32 del Regolamento privacy per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Tutto ciò per garantire la sicurezza, l'integrità e la riservatezza dei dati stessi nel rispetto delle misure organizzative, fisiche e logiche previste dalle disposizioni vigenti.

 

Natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati, conseguenze di un eventuale rifiuto e base giuridica del trattamento

Si informa che, tenuto conto delle finalità del trattamento come sopra illustrate, il conferimento dei dati è obbligatorio ed il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrà avere, come conseguenza, l'impossibilità di svolgere l’attività dell'Associazione e di assolvere gli adempimenti previsti dallo Statuto stesso nonchè di accedere al forum o di ricevere la newsletter.

 

A chi e in che ambito il Titolare può trasmettere i dati personali degli Interessati

I dati personali degli Interessati potranno essere comunicati all’interno dell’UE, nel pieno rispetto di quanto previsto dal Codice privacy e dal Regolamento privacy, ai seguenti soggetti:

Si informa che i dati dell’associato e le informazioni relative alle loro attività vengono gestiti e archiviati, con idonee procedure, utilizzando piattaforme anche operanti al di fuori del territorio nazionale (anche extra UE), quali Google, Keliweb, etc.

 

Durata del trattamento

 I dati personali vengono conservati per tutta la durata del rapporto di associazione e/o mandato e, nel caso di revoca e/o altro tipo di cessazione del rapporto, nei termini prescrizionali indicati nell’art. 2220 del Codice Civile. Nonostante quanto precede, Cistite.info APS potrà conservare taluni dati personali degli Interessati anche dopo la richiesta di cessazione del trattamento e ciò esclusivamente per difendere o far valere un proprio diritto ovvero nei casi previsti dalla legge o per effetto dell’ordine di un’autorità giudiziale o amministrativa.

 

Diritti degli interessati

 Lei potrà, in qualsiasi momento, esercitare i diritti:

L’esercizio dei suoi diritti potrà avvenire attraverso l’invio di una richiesta mediante email all’indirizzo cistite.info@pec.it

 

Misure di sicurezza

I dati personali degli Interessati sono trattati nel rispetto della legge applicabile ed utilizzando adeguate misure di sicurezza, in ossequio alla normativa in vigore anche ai sensi degli artt. 5 e 32 del Regolamento privacy.
In merito, si conferma, tra l’altro, l’adozione di opportune misure di sicurezza volte ad impedire accessi non autorizzati, furto, divulgazione, modifica o distruzione non autorizzata dei dati degli Interessati.

 

Modifiche all'informativa privacy

La presente informativa è soggetta a modifiche da parte del Titolare del trattamento; Cistite.info APS comunicherà per email le modifiche agli Interessati, con un preavviso di almeno 15 giorni rispetto alla data in cui si applicherà la nuova informativa.

 

Regolamento e privacy forum

 Rispetto ai dati di registrazione si specifica che:

Rispetto ai contenuti immessi sul forum l'utente deve valutare con particolare attenzione:

Si specifica inoltre che:

Informativa tecnica  e di servizio

Si fanno inoltre presenti i seguenti punti.

X

Right Click

No right click