fbpx

Le novità dei prossimi mesi!

 Abbiamo in programma novità entusiasmanti

Scopri quali


L'acido ossalico è una sostanza contenuta soprattutto in frutta e verdura. E' considerato un antinutriente perché tende a legarsi a diversi minerali (soprattutto ferro, magnesio e calcio) rendendoli inutilizzabili dall'organismo, che quindi può subire carenze e manifestare problematiche quali anemia, osteoporosi, crampi e contratture muscolari.

L'unione di acido ossalico e minerali porta alla formazione di ossalati, che possono aggregarsi e formare cristalli. I cristalli presenti nelle urine al loro passaggio sulle mucose causano irritazioni provocando disturbi come ematuria (sangue nelle urine) e dolore ad urinare . Le mucose irritate diventano più fragili e quindi più aggredibili dai batteri, che possono così scatenare cistite.

Come curare la cistite batterica

I cristalli di ossalati oltre a provocare cistite hanno anche un altro effetto negativo: in ambiente acido tendono ad aggregarsi formando calcoli urinari.

Per sapere se sono presenti ossalati nelle tue urine puoi effettuare un esame delle urine con analisi del sedimento.

In caso di presenza di ossalati nelle urine è quindi consigliabile alcalinizzare le urine attraverso una dieta alcalinizzante o assumendo  integratori specifici in modo da ostacolarne l'aggregazione.

Una dieta corretta dovrebbe prevedere un massimo di 100 mg al giorno di acido ossalico, che diminuiscono a 50 mg se si soffre di disturbi urinari, osteoporosi o calcoli renali.

Di seguito puoi trovare una lista degli alimenti più communi col rispettivo contenuto di acido ossalico. Se invece vuoi una lista più dettagliata richiedi la  tabella completa cliccando sull'immagine di seguito.

TABELLA OSSALATI

 Richiedi la tabella degli ossalati negli alimenti

 

Contenuto di acido ossalico nei cibi

Il numero accanto all'alimento indica quanti mg di acido ossalico sono presenti in una porzione di prodotto. Per realizzare questo elenco sono state utilizzate le ricerche effettuate dalla Harvard School of Public Health.

 

 

Verdure e legumi

Spinaci cotti: 1510 mg per 1 tazza di prodotto
Rabarbaro: 1082 mg per 1 tazza
Gombo (okra): 1014 mg per 1 tazza
Spinaci crudi: 656 mg per 1 tazza
Foglie di barbabietola: 500 mg per 1 tazza
Bietola rossa: 420 mg per 1 tazza
Bietola verde: 347 mg per 1 tazza
Barbabietola: 152 mg per 1 tazza
Fagioli tondi: 152 mg per 1 tazza
Patata al forno senza buccia di dimensione media: 97 mg
Rutabaga (navone): 62 mg per 1 tazza
Rapa: 60 mg per 1 tazza
Fave: 40 mg per 1 tazza
Germogli di bambù: 35 mg per 1 tazza
Salsa di pomodoro: 34 mg per 1 tazza
Fagioli rifritti: 32 mg per 1 tazza
Fagioli rossi: 30 mg per 1 tazza
Pastinaca: 30 mg per 1 tazza
Patata dolce: 28 mg per 1 tazza
Carota di dimensione grande: 20 mg
Cavolo: 10 mg per 1 tazza
Sedano cotto: 10 mg per 1 tazza

L'acido ossalico si trova anche nei succhi e negli estratti delle verdure succitate e nella salsa di pomodoro.

 

Frutta

Lamponi: 48 mg per 1 tazza
Arancia: 29 mg per frutto
Dattero: 24 mg per frutto
Pompelmo: 24 mg per frutto
Avocado: 19 mg per frutto
Olive: 18 mg per 10 olive
Kiwi: 16 mg per frutto
Mandarino: 10 mg per frutto

Pesche e ananas sciroppate possono contenere acido ossalico.
La versione secca della frutta elencata sopra contiene acido ossalico, così come l'ananas e la prugna e i fichi secchi.
L'acido ossalico si trova anche nei succhi di frutta.

 

Frutta secca

Mandorle: 122 mg per 28 grammi
Anacardi: 49 mg per 28 grammi
Arachidi: 27 mg per 28 grammi
Pistacchi: 14 mg per 28 grammi
Noci Pecan: 10 mg per 28 grammi

 

Cereali e farine

Farina di grano saraceno: 133 mg per 1 tazza
Semolino di granturco: 97 mg per 1 tazza
Farina di soia: 94 mg per 1 tazza
Bulgur (grano spezzato): 86 mg per 1 tazza
Cacao in polvere: 67 mg per 4 cucchiaini
Farina di riso integrale: 65 mg per 1 tazza
Farina di mais: 64 mg per 1 tazza
Miglio (cotto): 62 mg per 1 tazza
Farina integrale: 29 mg per 1 tazza
Riso integrale (cotto): 24 mg per 1 tazza
Cuscus: 15 mg per 1 tazza
Farina bianca: 11 mg per 1 tazza

Tutti i cibi preparati con questi ingredienti conterranno acido ossalico (pane, pasta, pizza, biscotti, ecc).

 

Bibliografia

  1. "Estimation of the oxalate content of foods and daily oxalate intake" R P Holmes 1, M Kennedy Collaborators, Affiliations. 2000 Apr;57(4):1662-7.doi: 10.1046/j.1523-1755.2000.00010.x. PMID: 10760101 DOI: 10.1046/j.1523-1755.2000.00010.x
  2. Journal of Agricultural and Food Chemistry
  3. Harvard T.H. Chan School of Public Health Nutrition Department's Directory listing of /health/Oxalate/files
  4. "Effect of different cooking methods on vegetable oxalate content" Weiwen Chai 1 , Michael Liebman Affiliations. 2005 Apr 20;53(8):3027-30. doi: 10.1021/jf048128d. PMID: 15826055 DOI: 10.1021/jf048128d

ATTENZIONE! Cistite.info propone contenuti a solo scopo informativo e divulgativo. Spiegando le patologie uro-genitali in modo comprensibile a tutti, con attenzione e rigore, in accordo con le conoscenze attuali, validate e riconosciute ufficialmente.
Le informazioni riportate in questo sito in nessun caso vogliono e possono costituire la formulazione di una diagnosi medica o sostituire una visita specialistica. I consigli riportati sono il frutto di un costante confronto tra donne affette da patologie urogenitali, che in nessun caso vogliono e possono sostituire la prescrizione di un trattamento o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Si raccomanda pertanto di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.

X

Right Click

No right click