La vescica ha la funzione di raccogliere l'urina proveniente dai reni ed espellerla attraverso l'uretra.

La maggior parte del processo minzionale è inconscio ed automatico.

La minzione avvien i 4 fasi: riempimento, stimolo impellente, minzione e rilassamento.

 

Fase di riempimento

Durante la fase di riempimento il detrusore (il muscolo della vescica) è rilassato.

Vescica: fase riempimento

 

 Fase di riempimento

a. Detrusore rilassato

b. Orifizio uretrale interno chiuso

c. Pavimento pelvico rilassato

d. Orifizio uretrale esterno chiuso

 

Le frecce indicano la direzione della pressione

 

 Generalmente si avverte il primo stimolo di dover urinare quando in vescica ci sono circa 200ml di urina. I recettori presenti sul muscolo detrusore inviano un messaggio al centro di controllo della minzione nel cervello, che a sua volta manda l'input alla vescica facendo insorgere il desiderio di urinare. Si tratta di un primo stimolo debole, che si affaccia alla nostra coscienza in maniera intermittente.

 

Stimolo impellente

 La fase di riempimento continua fino ad arrivare a 400/600ml. A questo punto lo stimolo diventa forte e continuo. La pressione esercitata dall'urina all'interno della vescica aumenta. Interviene allora la muscolatura del pavimento pelvico a comprimere l'uretra per evitare la fuoriuscita di urina.

stimolo impellente

 

Fig. 6: Stimolo impellente

a. Detrusore stimolato

b. Orifizio uretrale interno chiuso

c. Pavimento pelvico contratto

d. Orifizio uretrale esterno chiuso

 

 In condizioni normali tra il primo stimolo di leggero desiderio minzionale e quello impellente da vescica piena intercorre un lasso di tempo sufficiente a consentire la scelta del luogo e del momento più appropriati alla minzione.

 

Minzione

La minzione avviene grazie a 2 fattori:

  • da una parte il rilassamento dei 2 sfinteri uretrali (interno ed esterno) e dei muscoli del pavimento pelvico (ciò permette il passaggio e l'uscita dell'urina)
  • dall'altra la contrazione del detrusore che, aumentando la pressione all'interno della vescica, permette all'urina di essere spinta fuori. Durante la contrazione la vescica assume una forma ad imbuto, che facilita l'espulsione dell'urina 

fase minzionale

 Fig.7: Minzione

a. Detrusore contratto

b. Orifizio uretrale interno aperto

c. Pavimento pelvico rilassato

d. Orifizio uretrale esterno aperto

 

 Semplificando possiamo paragonare la vescica ad un tubetto di dentifricio: il contenitore è il detrusore, il dentifricio è l'urina e il tappo è la chiusura data da orifizi uretrali e pavimento pelvico. Se schiacciamo il tubetto creiamo una pressione all'interno, che farà uscire il dentifricio. Tuttavia se il tappo è chiuso il dentifricio non uscirà. Idem se il tappo è aperto, ma non c'è pressione sul tubetto. Perché il dentifricio esca (l'urina), è necessaria la sinergia dei due meccanismi: apertura del tappo (muscoli pelvici rilasciati e orifizi uretrali aperti) e pressione sul tubetto (contrattura del detrusore).

 

Rilassamento

Terminata la minzione i 2 sfinteri uretrali ed il pavimento pelvico si ricontraggono per evitare perdite di urina, la vescica riacquista la sua forma piatta ed il muscolo detrusore torna in stato di rilassamento per consentire alla vescica di espandersi di nuovo con l'accumularsi di urina.

Ricomincia quindi una nuova fase di riempimento.
Il tubetto di dentifricio è stato tappato e riposto nel bicchiere sopra al lavandino.

Bibliografia

  1. “Anatomia del Gray. Le basi anatomiche per la pratica clinica” S. Standring, Elsevier 2009, pagg 123/1248
  2. “Anatomia umana” G. Goglia, Piccin 1999, pagg 498/504
  3. “Manuale di laboratorio, Volume 1” L. Spandrio, Piccin 1985, pagg 731-734
  4. “Fisiologia” R. G. Carroll, Elsevier Masson, 2008, Pagg 135/138
  5. “Anatomia umana” L. Bucciante, Piccin, 1986, pagg 653/778
  6. “Anatomia TC multidetettore Body” L. Romano, M. Silva, S. Fulciniti, Springer 2010, pagg 179/182
  7. “Anatomia e fisiologia per infermieri” G. Goglia, Piccin 1987, pagg 225/236

Articoli correlati