Storia di Iaia

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » lun dic 28, 2020 11:26 pm

Siiiii mi ha scaldato il cuore leggere tutte le vostre risposte! :love1: soprattutto perché tutte quante vi siete soffermate, mi avete risposto nel dettaglio... insomma e io che pensavo che già a vedere il mega papiro che avevo scritto nessuno avesse voglia di leggerlo :lol:

Comunque hai ragione, devo provare a fare caso al tempo...
Sicuramente una cosa che mi scatena tantissimo i sintomi (quasi sempre) sono le manipolazioni. Ecco, questo lo ho capito! Nonostante ne abbia fatte ormai una decina... ne risento sempre :hurted:
Questo, insieme alla questione calore, deve farmi pensare che come i miei muscoli hanno ancora tanta strada da fare...

Concordo peraltro sulla questione “goccia”.
Se io mi guardo indietro, ricordo questa costante difficoltà nei rapporti! Che poi avevo pressoché risolto in età adulta (non del tutto comunque!), però non avevo mai capito il perché! Ora invece lo ho capito, la colpa era del mio pavimento pelvico :hurted: penso di aver sempre avuto questa contrattura latente... che probabilmente andava e veniva a seconda di tante circostanze ma un “fondo” di ipertono restava sicuramente.
Quante cose si possono imparare!!!
A volte provo un po’ di rabbia se penso che tutte queste tribolazioni ce le saremmo potute evitare se i medici fossero più aggiornati :muro:
Vabbè, sarà nostro compito contribuire ad informare le generazioni future, come già sta facendo egregiamente questo sito!

Buona notte Isabella e anche a tutte voi.
Vi ringrazio ancora una volta di cuore

Re: Storia di Sara

Messaggioda Isabella82 » mar dic 29, 2020 12:57 am

iaia1717 ha scritto:Sicuramente una cosa che mi scatena tantissimo i sintomi (quasi sempre) sono le manipolazioni.

Si giusto,le manipolazioni!hai ragione!io rimangondo indolenzita e dolorante per due giorni buoni! :muro:
iaia1717 ha scritto:Vabbè, sarà nostro compito contribuire ad informare le generazioni future, c

Giusto Sara!speriamo di riuscire a rendere la nostra esperienza utile per chi passerà in questo bellissimo forum :coool:
Notte cara e a presto!
:love1:

Re: Storia di Sara

Messaggioda Asiotta » mar dic 29, 2020 9:49 am

Cara Iaia,
Io credo che le manipolazioni siano dolorose perché comunque si va a sollecitare una zona già di per sé molto sofferente e quindi il fatto di darle una bella strigliata comporta dolore.
Ma io credo anche che quest'ultimo sia dovuto soprattutto alla rieducazione a cui sono sottoposti i muscoli, che non essendo più abituati a stare al proprio posto,vengono costretti a muoversi dalla posizione in cui sono ora e protestano.
A me piace vederla così, lo interpreto come un segnale positivo, una risposta che il mio corpo sta dando al mio cervello e al mio cuore e sono certa di essere sulla strada giusta..
Quindi Iaia stringi i denti e non mollare mai :pugile:
Ricorda sempre che il sentiero che porta alla montagna è duro e faticoso, ma che soddisfazione poi guardare il panorama dall'alto!! :angel:
:baci:

Re: Storia di Sara

Messaggioda LisaBetta » mar dic 29, 2020 11:28 am

Ragazze, è "normale" avere un peggioramento dopo le manipolazioni ma, nel tempo, questo disagio è destinato a diminuire man mano che i muscoli riacquistano la loro normale fisiologia.
Se questa cosa vi crea disagio, potete applicare calore subito dopo per mantenerli rilassati e cercare di stare a riposo.
Forza!!! :pugile:

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » mar dic 29, 2020 11:41 am

Grazie Lisabetta e Asiotta :):
In effetti mi sembra che nel libro “un mal di testa nel bacino” dicessero che i peggioramenti post-trattamento sono un segnale da interpretare positivamente :idea:
Certo si spera sempre di stare bene 8-)

Un bacione a tutte!

Re: Storia di Sara

Messaggioda Asiotta » mar dic 29, 2020 11:48 am

Cara Lisabetta,
Infatti poco prima e poco dopo le manipolazioni, Sabrina, la mia ostetrica, mi applica sempre un bel guanto riempito con acqua calda e come ultima cosa mi fa fare un bell'esercizio di rilassamento sia fisico che mentale... È davvero utile :coool:

Re: Storia di Sara

Messaggioda LisaBetta » mar dic 29, 2020 11:51 am

Roberta (Filippi) ha il tappetino riscaldante sul quale sdraiarsi :grin:

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » mar dic 29, 2020 2:47 pm

Wooooow il tappetino riscaldante! Lo aveva la ragazza dove andavo a fare riflessologia plantare... una goduria! :love1:

Re: Storia di Sara

Messaggioda Isabella82 » mar dic 29, 2020 2:58 pm

LisaBetta ha scritto:Roberta (Filipi) ha il tappetino riscaldante sul quale sdraiarsi :grin:

Adoro lei e il suo tappetino strafigo! :clap:
iaia1717 ha scritto:i peggioramenti post-trattamento sono un segnale da interpretare positivamente

D'accordissimo!

Re: Storia di Sara

Messaggioda Albarossa » mar dic 29, 2020 3:36 pm

Anche Ileana Luglio mi ha detto che un suo professore reputa positivo un iniziale peggioramento dopo le prime manipolazioni.
A proposito, anche Ileana ha il materassino termico! :love1:

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » mar dic 29, 2020 3:48 pm

Ciao Alba! Ah bene allora :):
Uffa sono “invidiosa” del tappetino riscaldante... lo devo dire alla Borella :risatona:

Re: Storia di Sara

Messaggioda Asiotta » mar dic 29, 2020 11:07 pm

Pure io sono invidiosa :-no
Uffi... Io vorrei pure i sedili riscaldanti in macchina..
Anche le mutande :risatona:
Tutto insomma :risatona:
Baci e abbracci :flower:

Re: Storia di Sara

Messaggioda MariCri » lun gen 04, 2021 10:48 pm

Ciao Iaia, era un po’ che leggevo la tua storia e volevo scriverti, abbiamo sintomi simili come con Asiotta e siamo anche tutte relativamente vicine, tu stai a Trento vero? Io a Treviso ma sono metà trentina, avevo preso anche io in considerazione la Borella, poi più vicino avevo la Di Maria che però non ha il materassino riscaldante ma è bravissima! Ecco volevo ringraziarti per essere alla fine passata prima tu nella mia storia. E poi dirti che anche io ho peggioramento dopo la manipolazione e anche dopo automassaggio... ma tutto gestibile, riesco a far rientrare sopra col calore. Credo siano proprio i muscoli che si ribellano. Ti auguro tante cose belle e se non ti dispiace seguirò la tua storia per trovare anche delle dritte per la mia strada verso la guarigione. Un abbraccio

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » lun gen 04, 2021 11:38 pm

Ciao Maricri! Grazie per il tuo messaggio, certo ci teniamo aggiornate! Quando finiranno queste zone colorate magari potremmo incontrarci io te e Asiotta :love1: :love1: :love1:

Re: Storia di Sara

Messaggioda Asiotta » mar gen 05, 2021 9:39 am

Magariiiii :beer: :xx
Fatemi sapere ragazze :thanks:

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » ven gen 08, 2021 6:52 pm

Ragazze, avrei una domanda forse un po’ banale fa farvi.
Quando si dice di utilizzare il vibratore per allenare il vestibolo, cosa si intende esattamente? :humm:
Inserire “la punta” nella vagina e lasciarlo vibrare o ci sono dei movimenti o dei massaggi particolari da fare?

Perché io mi sento molto morbida internamente (confermato da Galizia e dalla fisio)... da quando uso Ansiolin poi... è una caverna morbidosa :risatona:

Ma il mio problema resta l’ingresso della vagina (il vestibolo) che sento spesso “chiuso” e che bruciacchia.
Di solito io cerco di fare degli automassaggi per “allargarlo” e “smollarlo”. Faccio così: inserisco la prima falange del pollice e:
- prima tiro verso le ore 6 (e mantengo per un minuto). In questo modo l’entrata si ammorbidisce e si apre molto.
- poi tiro verso le ore 5 e 7 (prima da un lato e poi dall’altro, non contemporaneamente!) cercando di allargare e allungare tirando sia verso il basso che verso l’esterno. Mantengo sempre per un minuto.

Faccio bene secondo voi?
Sono convinta che la chiave per stare meglio, nel mio caso, sia proprio quella di riuscire a smollare per bene il vestibolo e quindi ad ammorbidire l’entrata vaginale.
Quindi se avete consigli (oltre ai “soliti”) sono tutt’orecchie :grin:

Uso già abbondante olio alla vit. E e ora anche puronerv (oltre al calore ecc ecc ecc :): ). Ma all’ingresso, soprattutto a sx, resta questo “cordone” duro che non cede, maledetto :risatona:

Re: Storia di Sara

Messaggioda LisaBetta » ven gen 08, 2021 7:49 pm

Hai seguito le indicazioni del video dell'automassaggio di Laura? Un minuto è anche troppo, bastano pochi secondi, mica devi aprirti come una cozza :risatona:
Puoi anche fare il movimento a manopola di motorino, molto leggero.
Per il problema che descrivi, consiglierei i dilatatori con calibro crescente, più che il vibratore. Non che quest'ultimo sia sconsigliato, ma forse è più adatto per arrivare a punti non raggiungibili col dito.
:ciao:

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » ven gen 08, 2021 7:56 pm

Grazie!
Sisi conosco bene il video di Laura ma credevo che quel tipo di massaggio fosse più “concentrato” sui muscoli più interni :humm: quindi sugli otturatori non sul vestibolo!
Ma può darsi che io faccia confusione...

I dilatatori li ho comprati e allora proverò ad usarli... anche se in realtà il vibratore normale riesce ad entrare, è proprio che c’è bisogno di “smollare” e fare in modo che l’ingresso resti morbido :S:

Proverò a chiedere qualche consiglio anche alla fisio :):

Re: Storia di Sara

Messaggioda iaia1717 » ven gen 08, 2021 8:40 pm

Forse ho capito come descrivere meglio il mio problema: non ho (quasi) più contrattura dei muscoli ma il mio vestibolo è poco elastico (molto poco elastico direi! Chiuso e duro).
Devo capire come elasticizzarlo.
Qua e là sul forum ho letto che giuliap inserisce il vibratore e fa dei “cerchi interni”. Devo provare.
O anche solo ad inserirlo e lasciarlo lì un pochino a vibrare.
Oppure usare i dilatatori... oppure... riprendere i rapporti...
Dopo mesi :oops: :oops: :oops:

Re: Storia di Sara

Messaggioda giuliap » mar gen 12, 2021 2:41 pm

iaia1717 ha scritto:ho letto che giuliap inserisce il vibratore e fa dei “cerchi interni”.

presente!
si io lo uso così! faccio sia un movimento rotatorio che laterale...
quanto ci fa penare sto vestibolo!!!


PrecedenteProssimo

Torna a Storie di Vulvodinia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 8 ospiti


ATTENZIONE! Cistite.info propone contenuti a solo scopo informativo e divulgativo. Spiegando le patologie uro-genitali in modo comprensibile a tutti, con attenzione e rigore, in accordo con le conoscenze attuali, validate e riconosciute ufficialmente.
Le informazioni riportate in questo sito in nessun caso vogliono e possono costituire la formulazione di una diagnosi medica o sostituire una visita specialistica. I consigli riportati sono il frutto di un costante confronto tra donne affette da patologie urogenitali, che in nessun caso vogliono e possono sostituire la prescrizione di un trattamento o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Si raccomanda pertanto di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata


CISTITE.INFO aps Onlus - Associazione costituita ai sensi del Decreto Legislativo 4 dicembre 1997 n.460 - CF: 94130950218 - p.IVA: 02906520214