Una nuova storia di cistiti e non solo

L'archivio delle storie personali

Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Francy77 » sab ott 16, 2010 11:14 am

Ciao a tutte mi chiamo Francesca dopo avere letto per giorni il vostro forum volevo raccontarvi la mia storia , direi rispetto a tante altre ancora breve forse solo agli inizi ma che spero si risolva presto anche se sono molto preoccupata perche’ i miei sintomi mi sembrano cosi’ strani….
A dicembre 2009 ho avuto il primo episodio di cistite della mia vita (ho 33 anni) da e-coli e quindi antibiotico dopo antibiogramma, dopodiche’ tutto torna come prima per cinque mesi. A maggio 2010 ancora cistite da e- coli , antbiotico e poi tutto ok. Dopo solo un mese ancora sintomi, urinocultura e via con la klebsiella ….antibiotico e..questa volta non torna tutto a posto come prima ,purtroppo !!!!! Mi rimane l’urgenza, ovvero quando comincia a scappare diventa praticamente impellente e devo andare ; sono in ferie (si perche’ l’odiosa cistite mi e’ venuta qualche giorno prima di partite!!) e per fortuna la situazione e’ abbastanza gestibile ovvero non e’ che mi scappa sempre pero’ mi rimane sempre una strana sensazione di fastidio ,tant’e’ che mi astengo dai rapporti completi perche’ sento che qualcosa non va…Quando torno a casa faccio un’urinocultura di controllo perche’ nel frattempo la situazione e’ un po’ peggiorata in quanto cerco di bere molto ma piu’ bevo peggio e’ perche’ e’ come se la mia vescica non si riempie piu’ come prima ovvero mi scappa forte anche se lei non e’ piena. Ma l’urinocultura e’ negativa ! E allora che cosa ho ?? Il mio medico di base a questo punto mi manda dalla ginecologa perche sospetta sia qualche cosa alle mucose vaginali. La gine mi visita e trova una vaginite mista, lieve pero’ e infatti io non avevo grossi sintomi se non un prurito sporadico solo esterno, i miei sintomi erano piu’ urinari.Comunque mi da una cura con di tutto di piu’: crema antimicotica e antimicrobica dentro e fuori , monuril, antimicotici orali , lavanda e ovulo tanto per finire in bellezza !!! Ma dopo la cura il mio problema e’ ancora li’…Poi un bel giorno mi decido ad avere un rapporto completo con il mio compagno perche’…ormai era piu’ di un mese che ci astenevamo! Il rapporto e’ stato normalissimo, nessun dolore nulla, ma dopo poco il finimondo ! Sono iniziati bruciori allucinanti, un fuoco e sintomi di cistite; il tutto prosegue tutta notte e anche il giorno dopo e devo stare a casa dal lavoro.
Sto malissimo, i sintomi urinari un po’ si attenuano ma il maledetto bruciore mi devasta , non riesco neanche a camminare sono sconvolta !! Faccio urinocultura e anche questa negativa !! Che cos’ho accidenti!!! Insomma per settimane i bruciori impazzano , sono solo esterni non mi posso sfiorare mi da fastidio tutto ; vado allora da un urologo il quale mi prescrive altri dieci giorni di antibiotici perche’ mi dice che spesso i batteri non si vedono nell’urinocultura :humm: ,fermenti lattici eco addome , visita gastroenterologica etc. Il mio medico di base fortunatamente mi consiglia no antibiotici e mi rispedisce da un’altra ginecologa che alla visita mi trova genitali esterni eritematosi con note micotiche e un inizio di vaginismo ma io credo che fosse un riflesso dovuto al dolore provato in quel momento anche perche’ non credo di averne sofferto prima perche’ non ho mai avuto alcun dolore o difficoltà ai rapporti; sono arrossata ma solo fuori infatti dentro non sento niente. Questa gine mi dice di mettere per sicurezza ovuli antimicotici per una settimana ed esternamente crema con lattoferrina .
Ci provo ma la lattoferrina mi irrita e comincia a bruciarmi ancora di piu’, tanto che decido di andare in pronto soccorso perche’ sono fuori di testa ormai !!! La ginecologa del ps mi visita e mi dice che non ho assolutamente nulla di visibile percio’ e’ una vulvodinia, e mi consiglia di non mettere piu’ nulla…bene pero’ cosa faccio? Intanto in tutti questi giorni avevo letto un sacco di cose in internet anche sulla vulvodinia e quindi questa diagnosi mi mette una depressione allucinante. :cry:
Ovviamente devo spostarmi in macchina per fare tutte queste visite in preda a questi bruciori e allo stimolo di urinare che mi accompagna ad ogni movimento e non intraprendo nessuna cura perche’ nessuno mi prescrive nulla e il mio medico non sa cosa dire , piu’ che altro mi sembra sospetti una vaginite psicosomatica….
Faccio altre urinoculture tutte negative, tampone vaginale negativo anche se ho sempre delle perdite dense e bianche che non se ne vanno e sono li ancora oggi. Faccio tampone uretrale , negativo.
L’urologa che mi fa il tampone uretrale mi dice “ma lei e’ messa maluccio li sotto ! Ha l’uretra strettissima io sospetto una stenosi che potrebbe essere la causa di tutti i suoi disturbi . E mi prescrive una cistoscopia. Ma io dico la stenosi si ha dalla nascita e ad un certo punto si fa sentire oppure puo’ essere conseguente alle cistiti ? Mi sembra strano perche’ le mie sono state cistiti assolutamente non dolorose , il sintomo principale era l’urgenza e fastidio pero’ e’ anche vero che l’urina spesso esce un po’ storta….contorta..
Ad oggi i sintomi sono ancora urgenza e frequenza che si innescano soprattutto con il movimento e quando mi agito !, la vescica non fa in tempo a riempirsi come prima , bruciori vari alla vulva non sempre nello stesso posto , perdite bianche e dense che sembrano proprio da candida e che erano presenti anche quando ho fato il tampone vaginale ma non e’ uscito nulla ..La cosa piu’ strana di cui non riesco a capacitarmi e ‘ che l’urgenza e lo stimolo a urinare aumentano oppure cominciano proprio quando comincio a camminare ; non riesco a fare una passeggiata perche’ dopo un po’ devo andare in bagno .Per fortuna i bruciori si sono un po’ attenuati e di notte mi lasciano dormire . Non capisco piu’ niente. :S:
Comunque per terminare la mia storia, alla fine ho deciso di tornare dall’urologo e seguendo i vostri preziosi consigli e leggendo le vostre esperienze ho prenotato una visita dal dott Porru a Pavia che mi ha visitato ieri.
Mi ha dedicato quasi due ore , mi ha visitato accuratamente e questo e’ quanto e’ emerso dalla visita:
secondo lui e’ meglio non fare a desso cistoscopia in quanto una possibile stenosi si puo’verificare anche da un’uroflussometria che pero’ adesso io non posso fare perche faccio fatica a riempire completamente la vescica . Ha riscontrato lieve vulvodinia (sigh…) ore 12 e ore 3 . Non ipertono ne contrattura dell’elevatore dell’ano. Test del P.C: 3/5 .Ha fatto ecografia : vescica parzialmente repleta discreto lo stimolo minzionale. Ha fatto stick urina :negativo solo qualche traccia di sangue. Le mie mucose non sono assolutamente a posto , in alcuni punti arrossate e ricoperte di una patina biancastra + perdite bianche e dense . Ma se non e’ candida cos’e’?
Quindi si suppone che i miei disturbi urinari dipendano dalla vulvodinia.

La cura prescritta e’ la seguente:
fermenti lattici + lattoferrina per due mesi tutti i giorni (i fermenti lattici li prendo gia’ da tre mesi )
fermenti lattici vaginali tutti i giorni per due mesi (oppure yogurt)
mi ha poi dato una crema ginecologica non ancora in commercio a base di acido ialuronico e cellule staminali vegetali e finita quella continuare con saginil
pelvilen forte per 40 gg
no mannosio perche’ non ci sono batteri (ho fatto in questi mesi quattro volte urocultura sempre negativa)

Ho tanti dubbi e magari qualcuna di voi mi puo’ aiutare a capire.
Ma la vulvodinia si puo’ manifestare prima con sintomi urinari e poi dopo un rapporto portare ai bruciori vulvari ? E’ possibile che dopo solo tre cistiti e una vaginite lieve mi arriva subito una vulvodinia ? Normalmente non e’ la cronicizzazione del VV ? La cosa che non capisco e’ come faccio ad avere vulvodinia e a non avere la contrattura dell’elevatore dell’ano ? E lo stimolo urinario me lo devo tenere fino a che non avro’ migliorato (si spera!) la vulvodinia ?
Credo sia normale che quando cammino lo sfregamento mi peggiori tutto, pero’ e’ possibile che il bruciore lo senta anche all’attaccatura delle gambe, sotto i glutei, all’ano ?
Comunque il dott. Porru mi ha molto rassicurato perche’ mi ha detto che nel mio caso la cosa e’ all’inizio e , sebbene con infinita pazienza e cura del proprio corpo, si trova una soluzione , ma io sono comunque molto angosciata, soprattutto l’impossibilita’ di svolgere la mia vita come prima mi sta deprimendo un sacco…. E i sintomi urinari sono per me la cosa peggiore da gestire !!
Al momento seguo il consiglio del dottore e non faro’ la cistoscopia . Provo questa cura e mi do un mese , se non cambia nulla lo contattero’ perche’ cio’ che mi preoccupa tanto e’ la sensazione di urgenza…
Dimenticavo, ho anche mandato una mail a dott Pesce che leggendo i miei sintomi ha confermato che potrebbe essere la malefica vulvodinia + eventualmente vescica iperattiva !!! Pure quella !!!! :muro:
Sono disperata.
Caspita quanto ho scritto, ma sapete dovevo sfogarmi…. :consola:

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Frens » sab ott 16, 2010 12:00 pm

benvenuta Francesca.
dunque la VV può essere indipendente dalla cistite anche se generalmente sono abbastanza correlate e vanno a braccetto. purtroppo è possibilissimo che un rapporto la possa innescare, anche se solitamente non c'è solo quello ma altri fattori.. per esempio una gine ti ha parlato di vaginismo..ma Porru ha valutato il tuo pavimento pelvico? perchè a mio modesto parere è facile che tu possa avere anche una contrattura pelvica visto il vaginismo. oltre il fatto che una dottoressa ha notato che sei "particolarmente stretta" , potrebbe essere sempre legato a una contrattura più che a una stenosi
ti consiglio anche di visionare il forum della nostra clio http://vestibolitepuntoinfo.freeforumzone.leonardo.it/
che parla specificatamente di vestibolodinia.
riguardo la vescica e i dolori, non mi sembra che Porru ti abbia dato una terapia che possa aiutarti in quel senso. ti potrei consigliare cmq il succo di noni e D-Mannosio, che anche se non ci sono batteri, ti può cmq aiutare.
se :fish: sospetta una vescica iperattiva io ne parlerei con Porru, perchè è uan cosa che va curata con dei medicinali almeno in prima battuta, e i medicinali che ti ha prescritto lui non ti aiuterebbero.
inoltre insisterei sulla contrattura.
ci diresti il nome della crema alle cellule staminali che ti ha prescritto?

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda batuffolo » sab ott 16, 2010 12:11 pm

Cara Francy, intanto benvenuta :):
accidenti... un quadro complicato credo. Penso però che ti sia rivolta alle persone più indicate che ti saranno sicuramente di aiuto. Hai già "battuto i tempi" effettuando una visita dal dott Porru. Penso tu sia in buone mani.
Non sono indicata a dare consigli o a commentare. Ma sappi che Rosanna questo week non c'è ma appena potrà ti risponderà. Ascoltala.
Nel frattempo prova a ritagliarti qualche spazietto che ti distolga dal pensiero fisso. Ossia: non cercare più come una forsennata in rete. Fatti una passeggiata, vai al cinema, spettegola con una amica, cucina una torta. Stacca la spina, se riesci.

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Sarasa » sab ott 16, 2010 12:19 pm

:welcome: benvenutissima nel forum :flower:

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Frens » sab ott 16, 2010 1:48 pm

ti segnalo a Ros così appena torna risponderà subito a te

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Francy77 » sab ott 16, 2010 2:15 pm

Frens ha scritto:benvenuta Francesca.
dunque la VV può essere indipendente dalla cistite anche se generalmente sono abbastanza correlate e vanno a braccetto. purtroppo è possibilissimo che un rapporto la possa innescare, anche se solitamente non c'è solo quello ma altri fattori.. per esempio una gine ti ha parlato di vaginismo..ma Porru ha valutato il tuo pavimento pelvico? perchè a mio modesto parere è facile che tu possa avere anche una contrattura pelvica visto il vaginismo. oltre il fatto che una dottoressa ha notato che sei "particolarmente stretta" , potrebbe essere sempre legato a una contrattura più che a una stenosi
ti consiglio anche di visionare il forum della nostra clio http://vestibolitepuntoinfo.freeforumzone.leonardo.it/
che parla specificatamente di vestibolodinia.
riguardo la vescica e i dolori, non mi sembra che Porru ti abbia dato una terapia che possa aiutarti in quel senso. ti potrei consigliare cmq il succo di noni e D-Mannosio, che anche se non ci sono batteri, ti può cmq aiutare.
se :fish: sospetta una vescica iperattiva io ne parlerei con Porru, perchè è uan cosa che va curata con dei medicinali almeno in prima battuta, e i medicinali che ti ha prescritto lui non ti aiuterebbero.
inoltre insisterei sulla contrattura.
ci diresti il nome della crema alle cellule staminali che ti ha prescritto?



Ciao a tutte e grazie di avermi gia' letto !
Ho parlato a Porru dell'ipotesi di vescica iperattiva e lui al momento la escluderebbe... mi ha anche visitato per valutare la contrattura del pavimento pelvico ma secondo lui non sono affatto contratta.E' tutto molto strano..La crema che mi ha dato Porru non ha nome perche' non e' ancora in commercio, mi ha dato due boccette di campione.

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Francy77 » sab ott 16, 2010 2:17 pm

batuffolo ha scritto:Cara Francy, intanto benvenuta :):
accidenti... un quadro complicato credo. Penso però che ti sia rivolta alle persone più indicate che ti saranno sicuramente di aiuto. Hai già "battuto i tempi" effettuando una visita dal dott Porru. Penso tu sia in buone mani.
Non sono indicata a dare consigli o a commentare. Ma sappi che Rosanna questo week non c'è ma appena potrà ti risponderà. Ascoltala.
Nel frattempo prova a ritagliarti qualche spazietto che ti distolga dal pensiero fisso. Ossia: non cercare più come una forsennata in rete. Fatti una passeggiata, vai al cinema, spettegola con una amica, cucina una torta. Stacca la spina, se riesci.



Si in effetti sarebbe ora che smettessi di vagare in internet perche' piu' lo faccio piu' mi angoscio, mi riprendo un po' solo quando leggo questo forum.. :consola:
Infatti mi sa che oggi pom vado al cinema!

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda admin » sab ott 16, 2010 2:24 pm

[glow=red]Attenzione all'uso che fai della funzione quote ("cita")!!!!![/glow]

Non si quota [glow=red]MAI[/glow] un'intero post e non si quota [glow=red]MAI[/glow] il post precedente.

[shadow=blue]Ricordatelo![/shadow]

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda clio77 » sab ott 16, 2010 5:32 pm

ciao cara, non ti angosciare, con pazienza facciamo sfiammare tutto, sei all'inizio. Una domanda: a dic 2009 c'è stato un evento particolare che pensi possa averti scatenato quella cistite? Parte tutto da lì, si è instaurato un circolo vizioso e la robaccia che ti hanno dato i ginecologi ti ha scatenato la vestibulodinia.
- E' normale che tu faccia fatica a camminare
- è normale avere il bruciore fin dietro e l'interno coscia
- la candida è diventata fortissima e patogena dopo gli antibiotici e gli antimicotici
da lì parte la tua vv
Discorso contrattura: Porru dice che l'elevatore è ok, ma è possibile che altri fasci muscolari del pav pelvico siano contratti per reazione di difesa dal bruciore e dolore, difatti la stenosi mi fa pensare a questo, nonché il fatto che i gine ti abbiano trovata stretta (e ti credo povera!)
Per ora sulla mucosa non metterei nulla, o meglio, prova qsti campioncini, ma se dopo 5 minuti continui ad avere bruciore, scicaqua gentilmente cn sola acqua (mi raccomando niente detergenti, MAI!) e metti uno dei lubrificanti consigliati. Puoi provare a fare un leggero bidet con un poco di bicarbonato di sodio (una punta di coltello per tazza d'acqua.è una dose) poi basta. Tutte le sere yogurt. Vedi se esternamente brucia (è acido), lattobacilli per ripristinare quello che è stato distrutto. Ci vuole un po' prima che l'ambiente vaginale riprenda il suo stato naturale. D-Mannosio: ti può essere utile lo stesso, anche se non hai batteri. Ti consiglio di bere del succo di Noni. Trovi tutte le info nelle sezioni apposite. Trovi tante cose sul mio forum, il link è in firma, come ti ha già scritto Frens. PS cosa hai visto al cinema??? Forza che sistemiamo tutto :potpot:

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Viv. » sab ott 16, 2010 6:38 pm

Ciao Francy, benvenuta. :welcome:
Intanto ti chiedo di avere pazienza perché Rosanna è al raduno, di cui avrai sicuramente letto negli annunci, e sinceramente per il tuo caso credo che ci voglia proprio la sua opinione.
Posso dire che nella tua storia ci sono tanti fattori che ti hanno portata dove sei ora.
Ora anche io dirò la mia, perchè qui stiamo tutte cercando di capire bene, e quindi prendila molto con le pinze.
Francy77 ha scritto:Dopo solo un mese ancora sintomi, urinocultura e via con la klebsiella ….antibiotico e..questa volta non torna tutto a posto come prima ,purtroppo !!!!! Mi rimane l’urgenza, ..... l’urinocultura e’ negativa...... La gine mi visita e trova una vaginite mista, lieve pero’ e infatti io non avevo grossi sintomi se non un prurito sporadico solo esterno, i miei sintomi erano piu’ urinari.


Vedi, hai curato le tue prime cistiti. Il problema è che non hai ripristinato la flora vaginale, né tanto meno la mucosa vescicale danneggiata dai batteri. Inoltre, c'era già un'infiammazione non infettiva in corso (non a caso alla prima visita ginecologica ti hanno diagnosticato vaginismo), forse una contrattura generata dai fastidi vescicali causati dalle cistiti batteriche e dall'uso degli antibiotici.

Francy77 ha scritto:Comunque mi da una cura con: crema antimicotica e antimicrobica dentro e fuori , monuril, antimicotici orali , lavanda e ovulo


Scusa, per quanto tempo è durato tutto sto malloppo? Perché secondo me il casino grosso è cominciato proprio qui! Eri già incasinata di tuo e hai finito di devastarti! Lavande, antimicotici, e scommetto anche cortisonici (potresti controllare?)!! In pratica ti sei infiammata la vulva, che si è sensibilizzata e con il rapporto hai ulteriormente peggiorato le cose.

Francy77 ha scritto:Ma dopo la cura il mio problema e’ ancora li’…
E dopo il rapporto hai una bella cistite: te credo! Chi poteva difenderti se sei rimasta senza flora vaginale? Cistite che ti si sommava ai sintomi già presenti.

Francy77 ha scritto:vado allora da un urologo il quale mi prescrive altri dieci giorni di antibiotici perche’ mi dice che spesso i batteri non si vedono nell’urinocultura
Certo, non c'erano! Se c'erano li avevi già fatti secchi con il primo ciclo di antibiotici. Ma non essendo i batteri la causa dei tuoi sintomi, la loro scomparsa non ha mutato di molto la tua situazione.

Francy77 ha scritto:la visita mi trova genitali esterni eritematosi con note micotiche e un inizio di vaginismo
Ma no veramente?? :roll:
Francy77 ha scritto:ma io credo che fosse un riflesso dovuto al dolore provato in quel momento anche perche’ non credo di averne sofferto prima perche’ non ho mai avuto alcun dolore o difficoltà ai rapporti; sono arrossata ma solo fuori infatti dentro non sento niente. Questa gine mi dice di mettere per sicurezza ovuli antimicotici per una settimana ed esternamente crema con lattoferrina .
E io credo che ti sbagli. La ginecologa di ha trovato un arrossamento esterno e il fatto che non ne hai mai sofferto prima non vuol dire nulla. Vuol dire solo che tutto questo è stato pressoché provocato.
Francy77 ha scritto:" Ha l’uretra strettissima io sospetto una stenosi che potrebbe essere la causa di tutti i suoi disturbi"....
Ritorna il sospetto di contrattura.
Francy77 ha scritto:Ma io dico la stenosi si ha dalla nascita e ad un certo punto si fa sentire oppure puo’ essere conseguente alle cistiti ? Mi sembra strano perche’ le mie sono state cistiti assolutamente non dolorose , il sintomo principale era l’urgenza e fastidio pero’ e’ anche vero che l’urina spesso esce un po’ storta….contorta..
La contrattura può essere causa di cistiti così come esserne una conseguenza. In casi come i tuoi il tutto si mescola e sovrappone facendo si che le diagnosi si complichino ulteriormente. Hai letto gli articoli di Rosanna nel SITO? In particolare, quello sulla differenza tra infezione e infiammazione e quello sulla riabilitazione del pavimento pelvico!. Ma ti consiglio vivamente di leggerli tutti!!!!!!!
Sono proprio queste "cistiti" poco dolorose e contraddistinte da urgenza minzionale che fanno sospettare contrattura e/o una patologia dei nervi della zona pelvica!

Francy77 ha scritto:Meglio non fare a desso cistoscopia in quanto una possibile stenosi si puo’verificare anche da un’uroflussometria che pero’ adesso io non posso fare perche faccio fatica a riempire completamente la vescica . Ha riscontrato lieve vulvodinia (sigh…) ore 12 e ore 3 . Non ipertono ne contrattura dell’elevatore dell’ano. Test del P.C: 3/5 .Ha fatto ecografia : vescica parzialmente repleta discreto lo stimolo minzionale. Ha fatto stick urina egativo solo qualche traccia di sangue. Le mie mucose non sono assolutamente a posto , in alcuni punti arrossate e ricoperte di una patina biancastra + perdite bianche e dense . Ma se non e’ candida cos’e’?
Quindi si suppone che i miei disturbi urinari dipendano dalla vulvodinia.
Ecco, non fare la cistoscopia. Io ti consiglio di fare un salto da Pesce. So che questo comporta una spesa ma considera che Pesce fa uno sconticino alle ragazze che vengono dal Forum e che i soldi che non usi per cistoscopia puoi investirli decisamente meglio. Porru è molto bravo ma Pesce è un mago per le contratture e le patologie neuro-urologiche!
Non credo proprio che sia candida: devi leggere di più. Se lo sforzo di capire non viene anche da te ne uscirai fuori più faticosamente.
Cmq, se davvero tutto questo è stato provocato, come ipotizzo, guarirai certamente.

Poi, fossi in te, prenderei anche il mannosio perché ti aiuterà a ripristinare la mucosa vescicale.

Infine, non so se i tuoi disturbi urinari possano dipendere dalla vulvodinia. Ed è proprio per dare maggiore rilevanza a questi sintomi che ti consiglio anche Pesce.

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda clio77 » sab ott 16, 2010 6:47 pm

Viv. ha scritto:Francy77 ha scritto:
ma io credo che fosse un riflesso dovuto al dolore provato in quel momento anche perche’ non credo di averne sofferto prima perche’ non ho mai avuto alcun dolore o difficoltà ai rapporti; sono arrossata ma solo fuori infatti dentro non sento niente. Questa gine mi dice di mettere per sicurezza ovuli antimicotici per una settimana ed esternamente crema con lattoferrina .
E io credo che ti sbagli. La ginecologa di ha trovato un arrossamento esterno e il fatto che non ne hai mai sofferto prima non vuol dire nulla. Vuol dire solo che tutto questo è stato pressoché provocato.

Francy credo intendesse che non crede di soffrire di vaginismo. Innanzitutto, il vaginismo ha causa psicologica, mentre qui si tratta semplicemente di un riflesso contratturale provocato dalle cistiti e dalla vulvite causata da micosi e magari qualche super infezione. Ovvio che finché vi sia una micosi e probabile concomitanza di infezione batterica vi sia dolore, questo però non significa che tu abbia già vestibulodinia, per pra chiamiamola semplicemente infiammazione del vestibolo o vestibolite. E' molto probabile che una volta rimosse le cause (perciò ho fatto la domanda sul primo sintomo, cioé la cistite di dic 2009) tutto scomparirà , irritazione vestibolare compresa. L'irritazione, se mal curata e trascurata, fa "germogliare" le microfibre nervose, instaurando un incipit di vestibulodinia, concomitante al fatto la contrattura dei fasci muscolari periuretrali e perivaginali

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Francy77 » dom ott 17, 2010 11:08 am

Grazie a tutte delle risposte; scusa Administrator...devo ancora imparare
Grazie Clio, al cinema ho visto Una sconfinata giovinezza..molto triste insomma non e' che ho fatto proprio la scelta giusta per tirarmi su il morale
Sinceramente non so cosa possa avere scatenato il primo episodio, possibile che possa essere stato un rapporto ma al tempo era la prima volta che avevo una cistite e non ci ho fatto caso.
Molta responsabilita' in questa situazione ce l'ha il mio intestino che da circa tre anni e' irritabile e mi portava ad andare in bagno piu' volte al giorno alternando periodi di quiete a periodi di tempesta anche con forti dolori addominali..ma ultimamente penso grazie a tutti fermenti lattici che sto prendendo si e' regolarizzato molto.
La cura che mi ha dato la ginecologa per la vaginite e' durata circa due settimane.. e in piu' non mi ha neanche detto che poi avrei dovuto ripristinare la flora .La crema che mi aveva dato era Meclon, non so se sia cortisonica.
Scusate se faccio casino con le risposte ma devo ancora prendere confidenza con il forum

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Frens » dom ott 17, 2010 12:12 pm

effettivamente non volevo dire che soffri di vaginismo, ma che se la ginecologa ha rilevato una sorta di vaginismo, è facile che ci possa essere anche una piccola contrattura.

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda stellinarossa » dom ott 17, 2010 1:31 pm

:welcome:

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Francy77 » dom ott 17, 2010 1:38 pm

Si penso che se ci sia questo vaginismo sia insorto in seguito a tutto il macello che mi e' venuto fuori dopo il rapporto, comunque quando ho fatto quella visita ginecologica ero nel pieno dei bruciori quindi puo' darsi che ancor prima che la gine si preparasse a visitarmi fossi gia' contratta dalla paura !! :shock:
Ho dimenticato nella mia storia di aggiungere che come prevenzione per la cistite ovviamente mi e' stato consigliato il mirtillo rosso che ho preso per ben tre mesi!! Adesso ho smesso. Puo' avere contribuito a mantenere lo stato infiammatorio ? Ma questo benedetto mirtillo a qualcuna ha fatto bene ? Vero' e' che di batteri non ne sono piu' arrivati in vescica pero' e' anche vero che non ho piu' avuto rapporti.
Volevo anche chiedere a chi avesse preso o prende Pelvilen se va preso prima dopo o lontano dai pasti. Sul foglio non c'e' scritto..

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda clio77 » dom ott 17, 2010 5:24 pm

Allora non chiamiamolo vaginismo ma solo contrattura.
Perr il mirtillo trovi tutto nella sezione terapie, sì può aver contribuito visto che acidifica
per il pelvilen io lo presi a stomaco vuoto 30 min prima del pasto
Francy77 ha scritto:La cura che mi ha dato la ginecologa per la vaginite e' durata circa due settimane.. e in piu' non mi ha neanche detto che poi avrei dovuto ripristinare la flora .La crema che mi aveva dato era Meclon,
:muro: non ti preoccupare che si risistema tutto. :potpot:

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Viv. » dom ott 17, 2010 11:34 pm

Mamma mia!!!! :shock: :shock:
Piuttosto, io penavo che in certi passaggi per vaginismo intendessi vaginosi. Va beh, l'essenziale è che ci siamo capite.

Beh, non ti resta che abbandonare le vecchie concezioni e darti da fare. Per qualunque cosa siamo qui.

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Rosanna » lun ott 18, 2010 7:50 pm

E finalmente sono arrivata anche alla tua storia (che alla fine non mi è poi stata segnalata!)
Innanzitutto vorrei capire se il tuo problema è una VESTIBOLITE o una VULVODINIA. La differenza è notevole. Spesso gli urologi e i ginecologi non conoscono la differenza tra l'una e l'altra ed usano i termini indistintamente. Temo che Porru sia ancora alle prime armi con vestiboliti e contratture. Ti invito a leggere la differenza tra le due patologie nel sito anche per farti un'idea e per riuscire ad affrontare con più coscienza le prossime visite (da Porru o da altri).
Se per te non è un problema, nel caso non avessi benefici da questa terapia nuova io andrei da Pesce perchè se davvero è vulvodinia (e non vestibolite) temo che la terapia di Porru sarà poco efficace. Se invece sarà efficace confermerà che hai una vestibolite e che Porru non ha ancora capito la differenza.
Queste sono patologie che vengono innescate da una banalità. E' molto comune l'insorgenza improvvisa dopo un evento acuto (che può essere una candida, una cistite, un rapporto più vigoroso, l'introduzione di applicatori, ecc).
Anche secondo me D-Mannosio ti potrà dare benefici. Magari prova a prendere una sola scatola e vedi se ti dà beneficio, se non te ne darà lascia perdere perchè già dai primi giorni dovresti vedere migliramenti.

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda Rosanna » lun ott 18, 2010 8:55 pm

Errata corrige: la storia era stata puntualmente segnalata da Frens, ma ho sbagliato io probabilmente coi pulsantini virtuali e invece di aprirla l'ho cancellata.
Pardon per il ritardo e mille scuse a Frens!

Re: Una nuova storia di cistiti e non solo

Messaggioda giada86 » lun ott 18, 2010 9:23 pm

Benvenuta anche da parte mia Francy! :welcome:


Prossimo

Torna a Archivio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 11 ospiti

CISTITE.INFO aps Onlus - Associazione costituita ai sensi del Decreto Legislativo 4 dicembre 1997 n.460 - CF: 94130950218 - p.IVA: 02906520214