La mia personalissima guerra

Racconta qui il tuo percorso con la cistite

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Lyra7 » mar gen 09, 2018 11:55 pm

Viki ha scritto:Gli automassaggi è un po che non li faccio più, ammetto

Viki ha scritto:Sempre la stessa sensazione di essere troppo stretta


Penso che sia fondamentale che tu riprenda regolarmente l'automassaggio vaginale, da fare ogni giorno, e che tu vada dalla Marchi.

Viki ha scritto:quando riuscivo a rilassarmi non avevo problemi

Prova a pensarci: cosa ti permette di sgombrare la mente e avere rapporti sereni e cosa no? Cosa c'è di diverso tra le due situazioni? Riesci a trovare un elemento comune alle volte che andava bene e alle volte che non riuscivi? Intendo a livello mentale, non fisico. Magari il trucchetto per spegnere il cervello lo hai sotto il naso e non ci hai mai fatto caso :):

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Viki » ven gen 19, 2018 11:22 pm

Laulaura ha scritto:Non hai a casa gli stick per monitorare il pH vaginale?

Sì scusami, mi sono spiegata male, avrei dovuto continuare la frase e dire che dopo due giorni mi sarebbe arrivato il ciclo (appena finito) e una volta passato avrei misurato il ph con gli stick e rifatto il tampone per capire meglio la situazione. Comunque ad oggi non ho pruriti, speriamo in bene!
signo ha scritto:Viki sei iscritta al forum da quasi tre anni e poni domande come una nuova arrivata Se vuoi risolvere la tua situazione in maniera definitiva devi impegnarti maggiormente nella lettura del forum. Parti dalle nozioni di base che trovi in Annunci importanti. Se non erro Bri ti aveva consigliato di andare dalla Marchi oltre un anno fa: telefona al più presto e fissa un appuntamento!
Scusatemi se sembra che stia prendendo sotto gamba la contrattura, il fatto è che ho avuto un lungo periodo stabile che ha coinciso con un periodo stressante per l’università e che mi ha sbarellato più di quello che pensassi. Ero così presa dai problemi intestinali, universitari, dalla dismenorrea che continuava a peggiorare nonostante gli accorgimenti, che ho diminuito l’attenzione verso la patata. E mi giustificavo col fatto che i pochi rapporti che avevo andassero bene e che non avevo sintomi di vaginiti/vaginosi da un po.
Ho capito poi che lo stress era passato dalla gastrite all’intestino e ad una specie di “germifobia”(?) se così si può chiamare… Diciamo che è una paura irrazionale di contaminazioni, sopratutto nel cibo. Sono cose che la mia psicoterapeuta mi sta aiutando a risolvere, ma sono anche un po il riflesso del blocco di vita che sto vivendo e che rimarrà finché non mi laureerò.
Inoltre pensavo che gli ultimi miei problemi di “impenetrabilità" fossero dovuti alla secchezza, o almeno mi sono fatta convincere dal ginecologo. Perché mi sembrava assurdo che fossi peggiorata in un battibaleno. Ad agosto sono riuscita ad avere un gran bel rapporto, poi a settembre inizio la pillola ed improvvisamente non riesco più ad avere un rapporto completo. Sembrava troppo strano.
E’ stato dopo gli ultimi rapporti falliti nonostante la marea di lubrificante che la teoria ha cominciato a stare poco in piedi… Ma dato che era solo una mia mera supposizione ho deciso di chiamare la Marchi e ho fissato l’appuntamento. Oggi ho finalmente cavato il ragno dal buco, ma ci dedicherò un post a parte, perché devo trascrivere tutto ciò che ha detto.
Questo pezzo invece avrei dovuto postarlo mercoledì, ma ho confuso i giorni e ho saltato l’apertura del forum. :cavoli:
Diciamo anche che ci sarei andata molto prima se non avessi costantemente problemi di soldi e non dovessi rendere conto a mia madre.
E spiegare queste cose ad una donna che non ha mai avuto problemi ginecologici nella sua vita e a cui frega il giusto non è facile. E’ lo stesso motivo per cui non le ho detto che ho fatto il test per la discalculia… non avrebbe mai capito, e lo so per esperienza.
Riassumendo: scusatemi se a volte vi sono sembrata sorda, non l’ho fatto apposta giuro, mi sono un po persa in altre cose, ma ora mi riprendo! Avete fatto bene a :ss virtualmente.
Per rispondere invece a Lyra7 e Laulaura:
Il discorso "spegnere il cervello" è un discorso complicato e spero di riuscire a spiegarlo chiaramente. Credo che ci siano due elementi che giocano contro al rilassamento: l’abitudine e il ricordo.
Con “abitudine” mi riferisco al fatto che per la prima volta nella mia vita ho una relazione a lungo termine e il sesso comincia ad essere ripetitivo… Io provo ancora libido e attrazione per lui, ma non riesco a trasmetterla in qualcosa che mi faccia veramente raggiungere un livello di eccitazione tale da spegnere il cervello. E mi è difficile parlarne con lui perché, per quanto ragazzo pieno di pregi, un suo difetto è che è un tipo chiuso, non molto comunicativo. Io invece ho bisogno di parlarne, ma anche per me non è sempre facile trovare le parole giuste.
Poi forse non mi fido completamente di lui. Quando arriva il momento della penetrazione non mi fido sul fatto che rimanga fermo e faccia fare a me. Perché è già capitato che lui premesse “la mano” e quindi io non riesco a lasciarmi andare. Non è che lo faccia sempre ma a volte si lascia trasportare (che nel sesso ci sta) ma io ho bisogno che lui abbia sempre in mente che per prima cosa deve essere delicato, altrimenti non se ne fa niente. Non so una volta ero convinta avessimo un'ottima intesa sessuale, ma forse la cosa valeva solo con la patata in forma. Per dire: io preferisco farlo la sera, a lui al mattino. Lui ci mette una vita a venire (che normalmente sarebbe un ottimo pregio) ma nel mio caso è deleterio… Insomma un casino. :S: Ho molte più domande che risposte.
Anyway... Domani vi riporto tutto quello che mi ha detto la Marchi oggi durante la visita, buonanotte! :ciao:

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda signo » sab gen 20, 2018 6:22 am

Ciao Viki, l'importante è guardare avanti. Hai capito tante cose ed è l'unica cosa che conta, ora aspettiamo il resoconto della visita! Continua così perché sei sulla strada giusta. Per il tuo ragazzo non mi permetto di giudicare, mi viene solo una domanda: pensi sia la persona giusta per te?

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Viki » sab gen 20, 2018 12:32 pm

Grazie signo. Posso guardare avanti anche grazie a voi e alla forza che trasmettete e spero sempre di riuscire a trarne esempio. :flower:
Riguardo a "pensi sia la persona giusta per te?" Direi che mi hai fatto una domandona! :o E sai, non lo so proprio. A volte penso di sì, riesco ad immaginarmi un futuro con lui, a volte penso che non sopravviveremo dopo l'università. Vedremo :): Sicuramente mi farò un bell'esame di coscienza prima di fare progetti importanti.

Detto questo, ecco quello che è successo ieri.
Ci ho messo mezzora a raccontarle tutta la mia storia e di cose da dire forse ce ne sarebbero state ancora.
Comunque al momento della visita mi controlla prima le mucose e poi mi fa lo swab test. Beh sono saltata come una molla! Non potevo credere neanch’io che fosse solo un cottonfioc… E ancora adesso se ci penso non mi capacito. Eppure mi tocco spesso per creme e terapie locali e non avevo mai avuto una sensazione di spilli così.
Comunque come immaginerete, essendo molto più esperte di me, mi ha diagnosticato la vulvodinia. Poi mi ha sentito i muscoli e in effetti mi ha trovato dei punti dolenti, cosa che si aspettava dato che vulvodinia e ipertono dei muscoli vanno a braccetto -così mi ha detto lei-.
Riguardo alla vulvodinia mi ha detto che lei lavora col dott. Pesce, lui si occupa più della parte riguardante i farmaci e lei si occupa delle manipolazioni.
Quindi mi ha consigliato di prenotare una visita da lui e mentre aspetto inizieremo a lavorare assieme sulla muscolatura.
Mi ha dato una serie di terapie per risolvere la situazione vaginale ed intestinale.
Riguardo all’intestino ballerino mi ha consigliato di provare ad eliminare il lattosio per due mesi, le verdure a fibra lunga e limitare anche la frutta e vedere come va. E nel frattempo prendere Spasmoxide per 10 giorni. Dopo questi due mesi mi consiglia comunque di sentire un gastroenterologo per capire come muovermi.
Riguardo alla situazione vaginale secondo lei io comunque parto da una situazione più delicata di base, probabilmente perché ho meno difese (meno lattobacilli o più deboli) rispetto alle altre donne. Quindi mi ha spiegato che vuole fare prima una fase di acidificazione vaginale potente per due settimane con:
-MATTINO: irrigazioni vaginali con l’acido borico, poi applicazione di Rephresh gel per 3 giorni consecutivi e poi 1 applicazione ogni 3 giorni per un totale di 14 applicazioni.
-SERA: 1 ovulo di Norfem per 7 giorni e a seguire 2 ovuli alla settimana per 3 mesi. Oltre a questo anche 1 cp di AB300 per 14 giorni.
Per ultimo mi ha prescritto Etinerv, 2 al giorno.

Questa cura acidificante mi preoccupa un po sinceramente ed anche lei mi ha detto che non sa se la mia patata (e i miei nervi) la reggerà, ma nel caso di chiamarla per vedere di aggiustarla a seconda delle mie esigenze.

In più mi ha dato anche delle norme comportamentali che seguo già: evitare di trattenere urina, di applicare il calore, di usare mutande di cotone bianche, di evitare indumenti troppo stretti e se voglio fare sport mi ha consigliato lo yoga.
E ovviamente niente rapporti.
Ora… Mi sento un po frastornata… Ovviamente speravo di avere solo un po di contrattura ma niente, a questo punto non posso fare nient’altro se non cercare di guarire. Mi stressa un po l’idea di tutti i soldi che dovrò spendere per i farmaci, le manipolazioni, la visita da Pesce. Dovrò parlarne con mia madre e non sarà facile farle capire… Speriamo.
La Marchi mi ha un po tranquillizzata dicendo che non è a uno stadio avanzato e di non spaventarmi che si può risolvere… Ma forse mi mette più ansia pensare alla terapia locale che mi ha prescritto. Boh non so, devo un attimo digerire il tutto. :|
Le manipolazioni le inizierò più avanti perché giovedì devo togliere un neo sotto il piede e torno a Novara per farlo… anche perché starò con le stampelle per qualche giorno. Quindi inizieremo ufficialmente quando tornerò a Torino. E nel frattempo prenoto da Pesce, dato che mi ha detto che ci vogliono 4-5 mesi per avere una visita.
E questo è tutto, credo. Spero di non aver tralasciato nulla.

Nel frattempo ieri sera ho provato il ph, ma devo dire che non so se il risultato è attendibile perché il primo tampone non sono riuscita ad infilarlo, quindi ci ho riprovato con un nuovo stick e a furia di rilassare sono riuscita ad infilarlo un po di più (ma non tantissimo). Il risultato è stato 6, però non so se fidarmi perché ci ho messo una vita e sarà entrato di un paio di centimetri scarsi. Poi ho messo agena (e non ho avuto problemi all'inserimento), dato che non l'avevo ancora messo post-ciclo perché aspettavo passasse qualche giorno per provare il ph con l'idea se riprendere o no il protocollo Miriam. Ovviamente ora che sono stata dalla Marchi seguirò la sua cura.
Altra cosa: io pensavo lunedì di andare a fare un tampone per vedere la situazione... l'unico posto che me lo fa però mi rileva il ph ma non i lattobacilli. Purtroppo sono stata al sant'anna ma il primo posto disponibile è a marzo :cavoli:
Che dite, lo faccio lo stesso il tampone o lascio perdere e inizio la terapia?

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Lyra7 » sab gen 20, 2018 4:37 pm

Viki ha scritto:Con “abitudine” mi riferisco al fatto che per la prima volta nella mia vita ho una relazione a lungo termine e il sesso comincia ad essere ripetitivo… Io provo ancora libido e attrazione per lui, ma non riesco a trasmetterla in qualcosa che mi faccia veramente raggiungere un livello di eccitazione tale da spegnere il cervello. E mi è difficile parlarne con lui perché, per quanto ragazzo pieno di pregi, un suo difetto è che è un tipo chiuso, non molto comunicativo. Io invece ho bisogno di parlarne, ma anche per me non è sempre facile trovare le parole giuste.


Capisco che non sia facile ma parlarne è fondamentale. Una buona comunicazione è la base per una relazione sana, senza di essa non si va da nessuna parte. Noto che spesso per gli uomini è più difficile parlare, forse perché sono cresciuti in un mondo in cui "i maschi non devono mostrarsi vulnerabili".
Per aprire il discorso potresti fargli leggere la guida al sesso sereno, tutta o solo alcune parti che ti interessano. La cosa importante, secondo me, è impostare il discorso su "mi piace molto quando tu fai xxx", evita di metterla sul "xxx non mi piace". Sottolineando le cose positive l'altro percepisce il messaggio in maniera positiva e non come una critica.

Viki ha scritto:Poi forse non mi fido completamente di lui. Quando arriva il momento della penetrazione non mi fido sul fatto che rimanga fermo e faccia fare a me. Perché è già capitato che lui premesse “la mano” e quindi io non riesco a lasciarmi andare. Non è che lo faccia sempre ma a volte si lascia trasportare (che nel sesso ci sta) ma io ho bisogno che lui abbia sempre in mente che per prima cosa deve essere delicato, altrimenti non se ne fa niente. Non so una volta ero convinta avessimo un'ottima intesa sessuale, ma forse la cosa valeva solo con la patata in forma.


Hai capito anche tu che questa mancanza di fiducia da parte tua ti ostacola (giustamente). L'unico modo per risolverla secondo me è parlarne. Anche qui, puoi metterla sul positivo, tipo: "mi piace quando sei xy", "se mi sento al sicuro mi piace di più", eccetera.

Viki ha scritto:Lui ci mette una vita a venire (che normalmente sarebbe un ottimo pregio) ma nel mio caso è deleterio…


Continuare con la penetrazione quando smette di essere piacevole per uno dei due non ha alcun senso, anche se l'altro non ha ancora raggiunto l'orgasmo. Potete passare alla penetrazione come ultimo atto oppure lui può raggiungere l'orgasmo in tante altre maniere.

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Laulaura » sab gen 20, 2018 5:07 pm

Viki ha scritto:Comunque al momento della visita mi controlla prima le mucose e poi mi fa lo swab test. Beh sono saltata come una molla! Non potevo credere neanch’io che fosse solo un cottonfioc… E ancora adesso se ci penso non mi capacito. Eppure mi tocco spesso per creme e terapie locali e non avevo mai avuto una sensazione di spilli così.

È una reazione comune, credo che sia capitato a molte di noi. Ci vuole un po' per capacitarsi, come dici tu, ma l'importante è avere una diagnosi e un percorso da seguire.
Viki ha scritto:Quindi mi ha consigliato di prenotare una visita da lui e mentre aspetto inizieremo a lavorare assieme sulla muscolatura.

D'accordissimo sulla visita con il prof, non rimandare oltre!
Viki ha scritto:Riguardo all’intestino ballerino mi ha consigliato di provare ad eliminare il lattosio per due mesi, le verdure a fibra lunga e limitare anche la frutta e vedere come va.

Va bene fare delle valutazioni eliminando alimenti sospetti, anche io ho provato ed ora so cosa mi dà più gonfiore di altro però mi sono fatta seguire da una professionista, do lo stesso consiglio a te.
Viki ha scritto:Questa cura acidificante mi preoccupa un po sinceramente ed anche lei mi ha detto che non sa se la mia patata (e i miei nervi) la reggerà, ma nel caso di chiamarla per vedere di aggiustarla a seconda delle mie esigenze.

Anche a me e, sarò sincera, io non la farei. L'esperienza del forum ci insegna che acido borico ed ovuli AB 300 (sempre con acido borico) sono deleteri per le nostre mucose già molto delicate.
Giusto per capire, non hai alcuna indicazione sui lattobacilli? Sarebbe fondamentale capire esattamente da che situazione parti quindi io farei qualche ricerca in più per trovare un laboratorio che rilevi entrambi i parametri.
In bocca al lupo per l'intervento! :ciao:

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Viki » sab gen 20, 2018 8:40 pm

Lyra7 concordo con tutte le cose che hai scritto e rispetto a molte cose ne abbiamo già parlato. Nell'arco degli anni abbiamo "aggiustato il tiro" spesso, a seconda di come stavo. Poi a volte era colpa mia che non parlavo, a volte ha sbagliato lui facendo certe cose... La maggior parte delle volte gliele facevo notare con i dovuti modi, ma a volte vorrei che ci arrivasse da solo. So che è stupido ma a volte penso che dopo 5 anni un po mi deve conoscere e conoscere il mio corpo, no? :|
In generale ha sempre seguito le mie "direttive" e, come hai scritto anche tu sulla guida al sesso sereno, ho notato che preferisce non farlo se sa che potrebbe farmi male. Prima della pillola usavamo il preservativo e mi diceva che col preservativo (anche se super sottile) non aveva molta sensibilità e capiva meno come muoversi. Oltretutto il preservativo rallentava anche l'orgasmo (il suo).
Comunque ho capito l'antifona e oramai non lo faccio più se non sento una forte voglia. Il problema era che a volta la sentivo forte la libido e desideravo la penetrazione ma appena lo sentivo lì BAAAM! Doccia gelata del mio cervello che mi diceva "E SE POI SENTI DOLORE??" :? E' riuscire a mantenere il mood che è difficile in quel momento... A volte ci riescivo e a volte no e pensavo "andava tutto così bene!" :-::::
Ultimamente invece, anche se a volte vorrei tanto, abbiamo lasciato perdere e facciamo altro. E dopo la visita ho capito che devo prima concentrarmi sulla guarigione. :): In un certo senso sono contenta di avere la conferma che non fosse solo secchezza. Anche la Marchi mi ha confermato che non mi ha trovato poi così secca.
Laulaura ha scritto:D'accordissimo sulla visita con il prof, non rimandare oltre!

Assolutamente, lunedì chiamo!
Riguardo al farsi seguire da un gastroenterologo hai ragione... forse dovrei cercare qualche nominativo... preferirei a Torino piuttosto che a Novara ma non saprei come muovermi.. Devo provare a fare qualche ricerca :humm:
Laulaura ha scritto:Anche a me e, sarò sincera, io non la farei. L'esperienza del forum ci insegna che acido borico ed ovuli AB 300 (sempre con acido borico) sono deleteri per le nostre mucose già molto delicate.
Giusto per capire, non hai alcuna indicazione sui lattobacilli? Sarebbe fondamentale capire esattamente da che situazione parti quindi io farei qualche ricerca in più per trovare un laboratorio che rilevi entrambi i parametri.

E' la stessa cosa che ho pensato io riguardo all'acido borico... Non so proprio se provare comunque oppure no. :hurted:
Riguardo ai lattobacilli conosco laboratori che li rilevano, il problema è la tempistica... Il sant'anna e l'ospedale di Novara hanno tempi molto lungi, il privato costa... ci sarebbe il mio ginecologo che potrebbe farmelo, costa poco più che andare in un ospedale, e a breve devo vederlo per controllare l'endometriosi. Comunque continuo a cercare, magari scovo qualcosa!

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Viki » lun gen 29, 2018 4:15 pm

Ciao a tutte! Vi aggiorno sulla situazione:
Giovedì ho fatto la rimozione del neo e sorpresa delle sorprese, mi han detto che devo tenere le stampelle 20 giorni, quando, nel momento della prenotazione, mi avevano detto 3-4 giorni! :-... Poi, come sospettavo mi han dato l'antibiotico, lo zitromax. (ho sperato di no, ma il medico è stato irremovibile). E' stato difficile mandare giù la cosa, dato che fu proprio l'abuso di antibiotici 5 anni fa a farmi partire tutti i miei problemi ma ho cercato di farmi coraggio e l'ho preso. Mi era anche stato assicurato che l'avrei ben tollerato a livello intestinale, ma in realtà ho cominciato ad avere dissenteria. Nonostante l'X-Flor che ho iniziato a prendere e che continuo tutt'ora a prendere la dissenteria non mi molla :-::::
Non ho tante scariche, due al giorno, più o meno. Anzi ne avevo sempre una 3 ore dopo l'assunzione dell'antibiotico.
Ho anche comprato i normogin da applicare ogni sera per prevenzione.
Poi, stamattina quando mi sono alzata ho cominciato a sentire una fitta lungo tutto il perineo, con dei momenti in cui si concentrava proprio intorno all'ano... Poi il dolore si è diffuso al basso ventre e li mi ha ricordato un altro episodio simile che mi era venuto la scorsa estate, anche in quel caso le fitte erano molto potenti ed anche in quel caso ero lontana dal ciclo.Il dolore aumenta se sto in piedi e diminuisce se mi sdraio.
Ora, so che l'antibiotico diminuisce l'efficacia della pillola e a questo hanno contribuito anche le scariche di dissenteria, quindi può essere un ritorno di fiamma dell'endometriosi? Derivato dalla minore assunzione della pillola?
Ho preso la tachipirina 1000 per il dolore, perché è quello che mi han detto di prendere in ospedale per i dolori (ovviamente loro intendevano per il piede). Ho provato a contattare il mio ginecologo per raccontargli dell'episodio e per sapere come muovermi con i farmaci (dato che sento ancora il dolore in sottofondo) ma non mi risponde.
Ovviamente mi stanno facendo male anche altri muscoli dell'inguine destro e vicini per il modo in cui cammino, ma per quello non posso fare molto, purtroppo per altri 15 giorni non posso appoggiare il piede in modo completo. :cry:
So che questa situazione a livello muscolare non fa bene alla mia contrattura, ma oltre ad applicare calore, fare i kr e cercare di non sforzarmi con le stampelle non posso fare altro se non avere pazienza.

Nel frattempo vi ricordate che cercavo un ambulatorio che mi facesse un tampone vaginale? Ecco l'ho trovato! L'ho fatto martedì scorso al c.d.c a Torino ed è risultato negativo! :grin: Peccato che mi dica che sia negativo anche per i lattobacilli... e questa cosa non sono riuscita a capirla, nonostante abbia provato a chiamare per chiedere.
Immagino che voglia dire che non ho lattobacilli...
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Lyra7 » lun gen 29, 2018 6:04 pm

Ciao Viki, che cavolo di situazione, mi dispiace!
Il dolore che provi lungo il perineo potrebbe essere muscolare e penso che sia causato sia dalla prolungata dissenteria sia dall'uso delle stampelle come hai immaginato tu. Dacci dentro con il rilassamento, bagni caldi e non mollare con i fermenti intestinali e vaginali. Se te la senti io proverei a fare anche un automassaggio. Credo sia il caso di dedicarti completamente al riposo fino a quando riprenderai a camminare senza stampelle. Facci sapere!

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Laulaura » mar gen 30, 2018 8:24 pm

Viki ha scritto:So che questa situazione a livello muscolare non fa bene alla mia contrattura, ma oltre ad applicare calore, fare i kr e cercare di non sforzarmi con le stampelle non posso fare altro se non avere pazienza.

Puoi sempre fare i massaggi e qualche esercizio di stretching da sdraiata sul letto.
Viki ha scritto:Nel frattempo vi ricordate che cercavo un ambulatorio che mi facesse un tampone vaginale? Ecco l'ho trovato!

Bene, ricerca andata a buon fine! Nessuna indicazione sul pH?
Viki ha scritto:ed è risultato negativo! Peccato che mi dica che sia negativo anche per i lattobacilli... e questa cosa non sono riuscita a capirla, nonostante abbia provato a chiamare per chiedere.
Immagino che voglia dire che non ho lattobacilli...

In genere si usano i segni più e meno o delle diciture per indicare lo stato della flora lattobacillare ma suppongo che negativo significhi "assenti". Sei riuscita a chiamare il laboratorio? In ogni caso stando al tuo tampone ci sarebbe da fare una bella "ricostruzione" delle difese. Leggi l'articolo in homepage relativo al protocollo Miriam, nel frattempo se prendi solo un x-flor prova ad aumentare a due e a non prenderlo insieme all'antibiotico.
E per il resto...ti auguro buon riposo!

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Lyra7 » lun feb 05, 2018 9:12 pm

Viki ha scritto:a volte vorrei che ci arrivasse da solo. So che è stupido ma a volte penso che dopo 5 anni un po mi deve conoscere e conoscere il mio corpo, no?


Mmh.... no.

E te lo dice una che per tanti anni la pensava esattamente come te. Se non esprimi quello che vuoi e ti aspetti che qualcun altro lo capisca ti metti tu stessa in condizione di rimanere delusa ogni volta. Sembrerà una scemenza, ma nessuno può capire cosa abbiamo nella nostra testa. Lui non potrà mai capire che aspettative hai se non glielo fai capire tu, anche dopo anni. In fondo il sesso non è un automatismo, non è ogni volta la stessa identica cosa, non fate ogni singola volta gli stessi identici movimenti come dei robot.
È importante comunicare durante il sesso, è fondamentale. Ci pensavo qualche tempo fa: siamo condizionati da rappresentazioni totalmente irrealistiche che ci creiamo delle aspettative irraggiungibili. Pensaci: quante volte abbiamo visto nei film di lui e lei che si incontrano, si baciano appassionatamente per 30 secondi, lui la spoglia e in men che non si dica iniziano a farlo con lei che ansima dal piacere? E il tutto senza essersi manco detti una parola? La vita vera è tutt'altra cosa... ma non per questo meno bella.

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Viki » mer feb 07, 2018 9:21 pm

Grazie per gli auguri di pronta guarigione ragazze :baci: Ora, a quasi due settimane la situazione è migliorata per certi versi.
Laulaura ha scritto:Bene, ricerca andata a buon fine! Nessuna indicazione sul pH?

Purtroppo niente ph (nonostante mi avessero detto che l’avrebbero rilevato) e telefonando non ho cavato un ragno dal buco.
Avevo già letto la sezione riguardante il protocollo Miriam (con homepage intendi sul sito?) e l’ho concluso a inizio gennaio, poi ho fatto il tampone col risultato che ho postato sopra. Dopo l’intervento e mentre prendevo l’antibiotico ho fatto una cura di normogin.
Finito normogin però mi è venuta un’irritazione intorno all’entrata vaginale… (forse causata dal difficile inserimento del normogin?) e poi mi è spuntata una piccola cisti su una delle due grandi labbra… il ginecologo mi ha consigliato Fucicort ma io pensavo di aspettare e vedere come va. Anche facendo una ricerca sul forum mi sembra di capire che è una cosa che può capitare e passa da sola.
Io prima mettevo Dimman Candida sulla zona ma mi dava una sensazione di calore fastidiosa (ora che la zona è irritata il calore mi da fastidio, infatti devo usare l’acqua tiepida per lavarmi) il che è strano perché quando la usavo nel protocollo mi dava invece una sensazione di fresco. Quindi sono passata a Xanagel che non mi da fastidio.
Secondo voi va bene Xanagel o è meglio comunque la Dimman Candida?
A livello visivo ora la cisti nell’aspetto si è sgonfiata ed è simile ad un brufolo. Quella zona, grande labbro sinistro, vicino all’entrata vaginale, dove ho la cisti (così l’ha chiamata il ginecologo) è un po più gonfia rispetto all’altra, ma in generale la zona è arrossata e leggermente gonfia.
Domenica sera ho provato anche il ph per capire se poteva essere un’infezione ma il risultato mi è sembrato leggermente fuori norma, con un valore vicino al 5 perché il colore era leggermente più scuro rispetto al valore normale.
Preferirei non riprovarlo perché la zona è un po provata. Pensavo di mettere ancora qualche fermento in questi due giorni prima che mi arrivi il ciclo.
Laulaura ha scritto:nel frattempo se prendi solo un x-flor prova ad aumentare a due e a non prenderlo insieme all'antibiotico.

Prendevo due x-flor al giorno, poi quando ho finito la scatola sono passata ai nutriflor per cambiare (2 al giorno) e finalmente l’intestino si è calmato :)
E ho iniziato a fare stretching :)
Lyra7 ha scritto:Se non esprimi quello che vuoi e ti aspetti che qualcun altro lo capisca ti metti tu stessa in condizione di rimanere delusa ogni volta. Sembrerà una scemenza, ma nessuno può capire cosa abbiamo nella nostra testa.

Hai proprio ragione Lyra… Quello a cui mi riferivo io diciamo che sono le “basi” di quello che è sempre stato il nostro mondo intimo. Non è sempre uguale e anche la mia patonza non è sempre uguale ma allo stesso tempo io so “le basi” di quello che a lui piace. Ma a volte lui sembra dimenticare queste cose. Poi rimane il fatto che crescendo con aspettative irrealizzabili, come tu stessa hai detto, spesso sbaglio a pretendere che lui mi legga nel pensiero. Io stessa ho la mia dose di colpa perché non ho quella liberà/esperienza sessuale che mi permette di essere più aperta e anche come carattere sono piuttosto introversa, quindi a volte mi faccio prendere dallo sconforto e magari mi arrabbio con lui perché spesso, a torto, ci sfoghiamo su chi ci sta vicino.
Insomma diciamo che è un mix di cose ma cercherò di lavorare di più sulla comunicazione! :):

Last but not least: Ho citato il ginecologo perché lunedì sono anche stata a fare la visita di controllo per vedere come erano messe le 3 cisti che avevo. E buone notizie! La più grande è diminuita di poco, ma le altre due di parecchio, sono passate da 29, 23, 23 (mm) a 27, 9, 9! :yahoo: Menomale!

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda flo67 » gio feb 08, 2018 11:17 am

Viki ha scritto:Finito normogin però mi è venuta un’irritazione intorno all’entrata vaginale… (forse causata dal difficile inserimento del normogin?) e poi mi è spuntata una piccola cisti su una delle due grandi labbra… il ginecologo mi ha consigliato Fucicort ma io pensavo di aspettare e vedere come va

Esatto, io non metterei proprio niente, né sopra la cisti né sopra la zona irritata. Aspetta e fai respirare il più possibile le mucose vulvari. Smutandati il più possibile ed esercita dei massaggi con i pollici disegnando piccoli circoletti sulle zona monte di venere (senza sfregare le mucose), ti aiuterà a ossigenare la parte.
Viki ha scritto:Secondo voi va bene Xanagel o è meglio comunque la Dimman Candida?

Devi usare quello che tolleri al momento, assecondando quello che il tuo corpo chiede.
Viki ha scritto:Pensavo di mettere ancora qualche fermento in questi due giorni prima che mi arrivi il ciclo.

Guarda, mi ripeto, non metterei nulla anche perché ti sta arrivando il ciclo.
Terminato il ciclo riprendi a fare di nuovo il protocollo miriam, anche perchè hai un ph troppo basico (5) quindi se non lo abbassi, difficilmente i fermenti vaginali attecchiranno.
Non dimenticare mai di fare esercizi di rilassamento pelvico, sono essenziali.
Viki ha scritto:Insomma diciamo che è un mix di cose ma cercherò di lavorare di più sulla comunicazione

Brava Viki, è bello condividere, parlare, confrontarsi. Ognuno ha i suoi modi e i suoi tempi ma decidere di non farlo (più) penalizza la coppia e fa crescere insoddisfazioni.
Noi siamo qui :ciao:

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Viki » lun feb 12, 2018 12:23 pm

Grazie Flo per i consigli! La cisti si è completamente riassorbita, e anche il gonfiore generale :grin: Mi è poi venuto un po di bruciore nel momento in cui facevo la pipì, penso sempre per l'irritazione, ma anche quello noto che sta diminuendo, anche perché ho fatto una prova a mettere un pochino di dimman candida, solo in quel punto e sento che mi fa bene, quindi continuo così. Vedo che nonostante gli assorbenti (ovviamente di cotone) la zona si sta riprendendo e sono contenta.
Ovviamente sto continuando anche tutti gli esercizi e lo streaching :): e sto prendendo il Flogo per il ciclo.
A proposito del Flogo, sulla confezione c'è scritto una capsula al giorno ma nella sezione riguardante il Flogo c'è scritto fino a 3 al giorno... La posologia quindi dipende dall'intensità del dolore?
Riguardo al post ciclo devo decidermi cosa fare. Perché avevo scritto che la dottoressa Marchi mi aveva dato una cura "strong" (l'ho scritta un po più su, sempre p.9) per acidificare che però comprendeva anche l'acido borico che voi sconsigliate e io non so se provare a farla lo stesso oppure no. E' vero che io non ho mai avuto molti problemi di tollerabilità dei prodotti in passato (al massimo mi sensibilizzavo dopo averlo usato troppo), ma c'è anche da dire che sono anni che uso i prodotti consigliati nel forum, quindi già di base non aggressivi... :|
flo67 ha scritto:Noi siamo qui

E vi ringrazio tanto per questo! :love1:

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Laulaura » mer feb 14, 2018 3:42 pm

Viki ha scritto:A proposito del Flogo, sulla confezione c'è scritto una capsula al giorno ma nella sezione riguardante il Flogo c'è scritto fino a 3 al giorno... La posologia quindi dipende dall'intensità del dolore?

Dipende dal motivo per cui si prende. Se lo si usa in "fase acuta di..." allora è meglio prenderlo più volte al giorno per un certo periodo di tempo. Se invece si tratta di dolori mestruali (con me funziona se lo prendo tempestivamente senza tergiversare) si può prendere al bisogno, in caso di influenza invece più volte al giorno..direi che dipende dal motivo per cui si usa più che dall'intensità del dolore.
Viki ha scritto:Perché avevo scritto che la dottoressa Marchi mi aveva dato una cura "strong"

Sì, certo, ricordo e dopo confronto con le altre mod ti avevo scritto che la "cura" prescritta dalla Marchi appare troppo aggressiva, difatti anche lei ha espresso il dubbio che le tue mucose non possano sopportarla. Ti consiglio di leggere sul forum i metodi di acidificazione consigliati nel pieno rispetto delle nostre mucose delicate. Prenditi del tempo per studiare e poi ci confronteremo di nuovo, ok?

Re: La mia personalissima guerra

Messaggioda Viki » mer feb 21, 2018 8:14 pm

Grazie per avermi chiarito il dubbio sul Flogo Laulaura, immaginavo una cosa del genere :):

Riguardo alla terapia pensavo che potrei provare a limitarmi solo all'inserimento del Rephresh senza le irrigazioni di acido borico e AB300. Riguardo al Norfem C sul forum non ho letto di esperienze negative ma neanche particolarmente positive. Ho letto inoltre che non è consigliato perché non si è trovata la composizione, non so se è cambiato qualcosa ma io ho trovato questa: Vitamina C, resina di silicone, lattosio monoidrato, idrossipropilmetilcellulosa, magnesio stearato.
Ho letto che esiste un'alternativa consigliata in passato ed è il Vitagyn C, l'unica cosa che non mi fa impazzire è il fatto che ha l'applicatore e io di solito preferisco gli ovuli... Per il resto come prezzo sono simili.
Io mi ero trovata bene in passato con Acidif ma la Marchi ha parlato di sola acidificazione per il momento.... Quindi lascerei perdere l'Acidif cv che ha dentro anche i lattobacilii.

Finalmente il piede si sta decidendo a guarire e sono tornata a Torino! E venerdì rivedo la dottoressa! :grin:


Precedente

Torna a Storie di Cistite

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

CISTITE.INFO aps Onlus - Associazione costituita ai sensi del Decreto Legislativo 4 dicembre 1997 n.460 - CF: 94130950218 - p.IVA: 02906520214