La cistite da luna di miele è un'infezione delle vie urinarie dovuta al trauma meccanico a cui vulva, uretra e vagina sono sottoposte durante i rapporti sessuali, che provocano dolore uretrale/vescicale (riferito spesso come "bruciore intimo"), urgenza, frequenza e peso vescicale.

 

Le cause della cistite postcoitale

Le cause nella maggior parte dei casi sono: una insufficiente lubrificazione e la contrattura del pavimento pelvico.

La muscolatura contratta restringe l'introito vaginale causando attrito durante la penetrazione e conseguente dolore. La paura anticipatoria del dolore inoltre non permette un'adeguata lubrificazione e irrigidisce ulteriormente la muscolatura. Tutto ciò contribuisce a provocare microtraumi alla mucosa vulvo-vaginale.

Mentre su un tessuto integro (come la pelle di un braccio per esempio) i batteri non provocano alcun danno, su un tessuto danneggiato (per esempio in una ferita sullo stesso braccio) i batteri riescono ad attecchire e a riprodursi perché le cellule presenti sotto lo strato più superficiale più robusto, sono molto fragili ed aggredibili. Così in queste microlesioni genitali i patogeni si rifugeranno colonizzando la vagina. La loro riproduzione porterà i batteri a cercare un luogo meno affollato ed andranno ad invadere le vie urinarie risalendo lungo la vulva e l'uretra, fino alla vescica. Perchè tutto ciò avvenga ci vogliono parecchie ore ed è per questo che la cistite non insorge subito dopo il rapporto, ma dopo 24 o addirittura 72 ore.

In alcuni casi può esserci incompatibilità della donna allo sperma del partner. In questo caso si manifesta una reazione infiammatoria al contatto con i fluidi maschili, con sintomi simili a quelli di una cistite o di una vaginite. L'utilizzo di un preservativo impedisce questa reazione.
In altri casi tuttavia è proprio l'utilizzo del preservativo a provocare cistite. Questo accade o per intolleranza verso il materiale da cui è composto il preservativo, o per il maggior attrito che provoca durante il rapporto, o ancora per l'eccessiva frizione sulle mucose vuvari provocata dall'anello di fissaggio alla base del pene.

 

Come curare e prevenire la cistite postcoitale

Per curare e prevenire la cistite da luna di miele bisogna affrontare il problema in ogni suo aspetto attraverso pochi, ma importanti consigli, che puoi trovare schematizzati nella tabella che segue.

Schema post coitaleScarica lo schema di cura della cistite post-coitale

  • Urina prima del rapporto in modo da avere la vescica vuota, quindi meno ingombrante, quindi meno esposta ai traumi.
  • Aumenta i preliminari per ottenere un'abbondante lubrificazione. Senza di questa evita il rapporto, altrimenti diventa un circolo vizioso: dolore, infiammazione, paura, tensione, mancata lubrificazione, microlesioni, ecc. Una valida ed ottima alternativa è l'uso di lubrificanti vaginali, ma evita quelli in commercio nei supermercati perchè vanno bene per un tessuto sano. Su una mucosa delicata rischiano solo di irritare e peggiorare la situazione. Meglio se contengono D-mannosio (Dimann Gel Lubrificante) in modo da prevenire l'infezione già durante il rapporto.
  • Prima della penetrazione cerca di rilassare la muscolatura pelvica eseguendo 3 esercizi di Kegel reverse.
  • Cerca la collaborazione del partner: spiegagli che DEVI seguire alcune regole per migliorare la tua salute uro-genitale e quindi la vostra sessualità. Fermati appena senti il minimo dolore e riprova il giorno dopo. Non sei una martire del sesso e lui è perfettamente in grado di rimandare la soddisfazione dei suoi istinti. E' più importante il tuo dolore che il suo piacere. Il rapporto sessuale deve essere una gioia per entrambi, non solo per il partner. Ricominciate da zero, come se fosse la prima volta. Centimetro dopo centimetro, se oggi raggiungerete 2cm, domani ne conquisterete 5 e tra un mese tutti i canonici 20, riscoprendovi giorno dopo giorno, imparando a conoscervi nuovamente e a ritrovarvi ancor più complici di prima.
  • Urina subito dopo il rapporto in modo da eliminare i batteri che si sono inseriti in uretra durante il rapporto.
  • Dopo il rapporto lavati con acqua tiepida e spalma sulla vulva una crema riepitelizzante (Xanagel), che darà sollievo alle mucose genitali.
  • Assumi una dose di D-mannosio da 500 mg subito dopo il rapporto e 4 dosi al giorno nelle 48 ore successive scalando a 3 al terzo giorno e a 2 il quarto. In questo modo il D-mannosio che arriva in vescica si attacca ai batteri che stanno risalendo lungo le vie urinarie. I batteri, attaccati allo zucchero verranno così espulsi col flusso urinario. Come assumere il d-mannosio.
  • Assumi un antinfiammatorio/antibatterico naturale (per esempio Dimann Flogo) subito dopo il rapporto. In caso di dolori assumine 3 compresse al giorno (a distanza di 8 ore circa l'una dall'altra) fino a quando i sintomi scompariranno.
  • Bevi almeno due litri di acqua al giorno (ottima la tisana di malva, gramigna ed equiseto) nelle 48 ore successive al rapporto.
  • Ricostituisci la flora batterica distrutta dalle continue terapie antibiotiche ed antimicotiche con cicli di fermenti lattici orali e vaginali. Moltissime donne iscritte al Forum ritengono il protocollo Miriam un valido aiuto per curare e prevenire la cistite da luna di miele.
  • Una delle cause della cistite è l'eccessiva igiene: i detergenti alterano il ph e asportano meccanicamente la flora batterica fisiologica, che DEVE esserci sulle nostre mucose per proteggerle dall'attacco e dal passaggio dei batteri. Prova a non usare più detergenti intimi (usali solo per l'ano dopo aver defecato) per una settimana e vedrai come ti sentirai meglio. Leggi sul Forum le esperienze di chi ha abolito i detergenti intimi. Evita anche assorbenti interni, salvaslip ed assorbenti sintetici, che non fanno altro che irritare la zona vulvare e vaginale.
  • Valuta la possibilità che tu soffra di ipertono del pavimento pelvico, vulvodinia e neuropatie pelviche, nel qual caso sarebbe utile rivolgerti ad un professionista esperto tra quelli consigliati dalla nostra associazione, che ti permetterà di risolvere i tuoi problemi in tempi relativamente brevi.
  • Evita l'uso di contraccettivi a base di ormoni sintetici (pillola, anello, cerotto, ecc) poiché aumentano la secchezza vaginale, diminuiscono la libido e quindi la lubrificazione. Utilizza metodi contraccettivi naturali (come gli apparecchi Babycomp).
  • Evita l'uso di preservativi in lattice se sei intollerante o allergica a questo materiale (utilizza quelli in poliuretano). Da una ricerca fatta tra le nostre utenti è emerso che i profilattici più tollerati sono gli Akuel Nudo e gli Akuel Skin.

 

Articoli correlati